QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

All’Archeopark di Boario l’Europeo di Tiro con l’arco e propulsore preistorico

mercoledì, 31 luglio 2013

Boario- Nel prossimo weekend si svolgerà presso l’Archeopark di Boario Terme, la 27^ edizione del Campionato Europeo di tiro con l’arco e con il Propulsore preistorico, organizzato dall’Archeopark, da Christian Foppa, direttore del Museo di Coira, e dall’archeologo Ausilio Priuli, con la presenza di campioni provenienti da tutta Europa. camuni_storia

La manifestazione, che a questo livello si svolge in Italia per la decima volta, non è solo una gara sportiva, ma anche occasione d’incontro per un folto gruppo di studiosi e ricercatori, che vengono da ogni paese del mondo, che si occupano di preistoria e di sperimentazione delle tecniche di produzione di strumenti e armi preistoriche.

Ospiti dell’Archeopark si confronteranno sulle tecniche usate per costruire archi da parte degli antichi popoli preistorici europei, propulsori e giavellotti e sull’uso degli stessi strumenti da caccia e bastoni da lancio.

Di queste armi si ha una discreta conoscenza, dal momento che in più occasioni, soprattutto in insediamenti palafitticoli come in quello di Fiavè e Ledro in Trentino ed in numerosi altri svizzeri e tedeschi, sono stati rinvenuti archi e frecce o parti di essi e, in Francia, tracce di propulsori: strumenti in legno, osso e corno, con funzione di prolungamento del braccio per scagliare più lontano e con maggiore precisione una lancia.

A proposito di archi e frecce, va ricordato che lo stesso uomo del Similaun (Ötzi), trovato nei ghiacciai della Val Senales e datato 5300 anni fa, ne possedeva uno con relativa faretra in pelle e frecce. Gli archi erano costruiti quasi tutti in legno di tasso, un tempo forse più comune di oggi nei nostri boschi. Certo non si poteva pensare ad un’ambientazione più adatta del parco archeologico di Boario, che si propone come strumento per viaggiare nel tempo, a ritroso fino ai giorni degli antichi camuni, per una dimostrazione ad altissimo livello dell’utilizzo che l’uomo preistorico faceva delle sue preziose armi.

Il programma prevede l’arrivo, l’accoglienza e l’espletamento delle formalità sabato mattina, mentre nel pomeriggio si svolgerà la competizione di tiro con l’arco preistorico. La mattinata di domenica sarà dedicata al tiro con il propulsore, nel pomeriggio le premiazioni e il concorso mondiale di tiro di precisione con il propulsore preistorico.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136