QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Al via la nona edizione di Passi nella neve: attesa per Luca Zingaretti in Alta Valle Camonica

mercoledì, 30 luglio 2014

Ponte di Legno – Domenica 3 agosto prende il via la nona edizione di Passi nella neve. Teatro, racconti, voci in Adamello. La rassegna, promossa dal 2006 dai Comuni di Ponte di Legno e di Temù, si prefigge lo scopo di ricordare e commemorare le vicende della Prima Guerra Mondiale nei luoghi dov’è stata vissuta, combattuta e sofferta. Nell’anno che segna l’inizio delle celebrazioni del centenario della Grande Guerra, Passi nella neve si inserisce tra gli emotional events proposti all’interno del grande progetto Adamello Guerra e Memoria.Luca Zingaretti - foto di Gian Marco Chieregato (1) 

Il primo, attesissimo ospite dell’edizione 2014 è Luca Zingaretti, che ha raccolto l’invito e la sfida di raccontare la guerra sulle cime dell’Adamello: i tanti appassionati di montagna e di teatro rivivranno l’indimenticabile esperienza delle edizioni passate, percorrendo fianco a fianco il cammino per raggiungere il luogo di spettacolo, con lo sfondo delle trincee della Prima Guerra Mondiale, nel silenzio quasi surreale delle prime ore del mattino.

Lo scenario sarà Costa di CasaMadre (Ponte di Legno/Tonale, 2300 mt circa, percorso di difficoltà medio/bassa, tempo medio di percorrenza: 1 ora e 50’). Alla Baracca delle Fortificazioni Luca Zingaretti leggerà Il colore del piombo, ovvero la riduzione letteraria, curata da Carla Bino, di alcune tra le pagine più belle tratte da Il sorriso dell’obice di Dario Malini. Il libro raccoglie le lettere di Walter Giorelli, giovane pittore romano, inviato al fronte nel giugno del 1915, ritrovate fortunosamente, in un mercato rionale, da Dario Malini, storico e scrittore vivente, che ne ha curato la pubblicazione per le edizioni Mursia, ricostruendo rigorosamente la vicenda e riportando in luce la figura, l’esempio e il sorprendente valore letterario del Giorelli.

«Il sibilo delle granate fa pensare a tante cose e, quando l’obice è scoppiato e ci ha lasciati interi, si sorride in un modo che adesso non so nemmeno ricordare», scrive il ventunenne pittore, scaraventato nell’immane carnaio della Prima Guerra Mondiale. Nelle lettere alla famiglia, egli racconta l’entusiasmo dei compagni e della gente comune nel momento dell’entrata in guerra, i periodi di addestramento e la vita al fronte, prima in un reparto di salmerie che provvedeva ai rifornimenti delle truppe, quindi nella 169ª Compagnia Zappatori, dove rimane per quattro mesi in trincee avanzatissime. Giorno dopo giorno il disincanto del militare cresce: gli orrori della guerra di trincea sotto il martellare delle artiglierie nemiche, pur riferiti con innata ironia, irrompono sempre più nei suoi resoconti, finché per tenere viva la speranza non gli è più sufficiente neppure l’arte, cui si applica disegnando i volti dei compagni, i terreni devastati, le vette e i campi di battaglia attorno all’Isonzo. Giorelli muore il 23 novembre 1916 a Plava, sepolto sotto un ricovero che il fuoco del nemico e la pioggia incessante avevano reso malsicuro.

Il risultato è una storia che tocca nel profondo e sorprende per l’ampiezza della riflessione e la vibrante (ma mai urlata) carica antimilitarista: «Quando mi sento forte, rido della guerra, degli uomini, di tutto, e mi accorgo che il mio compito sta nel mettere a nudo la vita qual è, in faccia al mondo che è pieno di malsane idealità e di vacui sentimentalismi».

La partecipazione è consentita ai possessori del coupon gratuito, ritirabile presso:
• Pro Loco Ponte di Legno c/o sala d’attesa stazione autolinee, p.le Europa 0364.900904
• Passo Tonale Uff. Informazioni via Nazionale 0364.903838
• Vermiglio (Tn) Ufficio Informazioni c/o Polo Culturale del Comune di Vermiglio 0463.758200
• Temù Uff. Informazioni via Roma 0364.94152
• Vezza d’Oglio Proloco via Nazionale 0364.76131
• Edolo IAT piazza M. della Libertà 0364.71065
• Capo di Ponte Infopoint Via Nazionale 1 – 0364.42104
• Breno Edicola Edibi via Giuseppe Mazzini 39 0364.21026
• Esine Cartolibreria Lori – via A. Manzoni 32 – 0364.360303
• Darfo B. T. Edicola Sigala/Capitanio via S. Martino 49 – 0364.530799
• Iseo Lalibreria via Duomo, 2 030.9822003
• Sarezzo High Dimension Disk via De Gasperi, 4 030.800624
• Brescia Libreria Einaudi via Pace, 16/A 030.3757409

Come raggiungere la Baracca delle Fortificazioni a Costa di CasaMadre
Da Ponte di Legno (piazzale Cida) prendi la cabinovia Pontedilegno/Tonale (a/r € 5 – tempo di percorrenza circa 15 minuti), scendi al capolinea del Tonale e portati verso la Chiesetta dei Frati del Tonale (mt 1.800 circa) e poi segui il sentiero indicato, successivamente il segnavia bianco/rosso. Non sono previsti punti ristoro. Provvedi autonomamente al rifornimento di cibo e bevande. Per il raggiungimento del luogo di spettacolo vale la responsabilità personale.
Percorso di difficoltà medio/bassa – tempo medio di percorrenza: 1 ora e 50’


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136