QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Adunata degli Alpini, oltre 300mila penne nere già ad Asti. L’arrivo di Cimberle e Fanetti, la grande attesa della sfilata

sabato, 14 maggio 2016

Asti – Migliaia di penne nere hanno raggiunto Asti nelle notte e in mattinata e altre decine di migliaia sono in viaggio per raggiungere la città del Piemonte dove si tiene nel weekend l’89^ Adunata degli Alpini. Tra i gruppi più numerosi quelli del Bresciano e Valle Camonica, quindi le sezioni del Trentino e Valtellina. Tanti i ricordi e i racconti delle penne nere e Asti per due giorni sarà la loro capitale.Asti 10

Intanto ieri sera la Bandiera di Guerra del 2° reggimento Alpini è arrivata in città, accolta dagli applausi commossi della gente che l’ha accompagnata fino in Piazza San Secondo, dove le sono stati resi gli onori.  La Bandiera di Guerra del 2° reggimento Alpini della Brigata Taurinense, decorata di una Croce di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia, una Medaglia d’Oro, quattro d’Argento ed una di Bronzo al Valor Militare, una Medaglia d’Argento di Benemerenza (per l’opera di soccorso in occasione del terremoto calabro-siculo del 1908) ed una Medaglia di Bronzo al Valor Civile (concessa per l’opera di salvataggio durante l’incendio di Beserzio del 1883) ha compiuto un giro della città piemontese. Il Generale Federico Bonato, comandante delle Truppe Alpine, ha sottolineato che l’Adunata fa parte della vita di ogni Alpino: “è un momento di grande festa nel segno dell’amicizia più sincera da trascorrere con persone che condividono gli stessi principi, abbracciano gli stessi valori e nutrono lo stesso forte spirito di Corpo”.

Nella prima giornata di apertura al pubblico i visitatori delle “Cittadella degli Alpini”, lo spazio all’interno di piazza Campo del Palio che le Truppe Alpine hanno allestito per presentare alla gente dell’Adunata mezzi, armi ed equipaggiamenti di ultima generazione, siano stati oltre 30mila tra cui tantissimi bambini entusiasti delle tante attrattive presenti.

alpini in viaggio

 IL VIAGGIO EDOLO-ASTI 

Dario Cimberle di Moncalieri e Gianluigi Fanetti di Sonico, secondo il  programma, hanno raggiunto Asti. Erano partiti il 3 maggio da Edolo con prima tappa a Breno, quindi Pisogne, Sarnico, Monza, Vigevano, Mede e l’arrivo ad Asti. Il piemontese Dario Cimberle non è nuovo a camminate del genere e da diversi anni arriva a piedi, partendo dalla sua abitazione al raduno degli Alpini. Quest’anno il viaggio l’ha fatto in compagnia di Giangi Fanetti del gruppo alpini di Sonico, partendo da Edolo dove ha fatto la naja nel Battaglione Edolo. “Qui – aveva detto alla partenza Dario Cimberle – ho fatto il militare, ed ho bellissimi ricordi”. I due alpini partiti da Edolo da oggi si uniranno ai rispettivi gruppi in vista della sfilata di domani.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136