QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Adunata Alpina, alla 90esima edizione di Treviso attese 10mila penne nere trentine e 5mila camune

sabato, 13 maggio 2017

Treviso – Applausi e commozione hanno caratterizzato le prime ore della 90esima edizione dell’Adunata degli Alpini. Dal Trentino sono attesi almeno 10mila penne nere, quasi 5mila dalla Valle Camonica e migliaia saranno i bresciani e valtellinesi che raggiungeranno Treviso per la sfilata in programma domani.Treviso Alpini 0

Il primo atto è stato l’arrivo della Bandiera di Guerra del settimo reggimento Alpini, che ha attraversato le vie di Treviso per giungere, tra gli applausi, in piazza Signori dove le sono stati resi gli onori. Gli organizzatori hanno calcolato che fossero oltre 20mila le persone disposte lungo il percorso e ben 5mila a sfilare al seguito della Bandiera, mentre nell’arco della giornata sono numerosi anche i visitatori della Cittadella degli Alpini, vetrina espositiva dei mezzi ed equipaggiamenti delle truppe alpine dell’Esercito che rimarrà aperta e visitabile fino a domani sera (chiusura alle 18). Al Circolo Unificato dell`Esercito di Treviso si pensa già all’Adunata del prossimo anno, a Trento, con la firma del protocollo d`intesa per la riqualificazione del Museo Nazionale Storico degli Alpini – siglato tra il Ministero della Difesa e l`Associazione Nazionale Alpini – che darà il via ad un restyling della struttura che ne aumenterà anche le capacità espositive. Comune e Provincia di Trento hanno assicurato il loro contributo, consapevoli che il progetto andrà ad arricchire la rete museale del Trentino Alto Adige.

Come sottolineato dal Comandante delle Truppe Alpine, Generale Federico Bonato, l’Adunata fa parte della vita di ogni Alpino, un momento di grande festa nel segno dell’amicizia più sincera da trascorrere con persone che condividono gli stessi valori e che nutrono lo stesso forte senso di appartenenza al Corpo.

Un fuori programma è stata la visita del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, a “Iroso” , il mulo più  vecchio d’Italia, che partecipa all’Adunata 2017 degli Alpini. Zaia,  Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, a margine di un evento della adunata degli Alpini, a Treviso, ha voluto ringraziare “tutti quelli che si occupano della sanità”, riferendosi al personale dedicato all’assistenza a quanti partecipano alla manifestazione.

Treviso Alpini 1

“Questa – ha aggiunto – è un’adunata anche della salute. E’ come aver costruito un ospedale virtuale per una piccola metropoli”. Il prefetto di Treviso, Laura Lega, han sottolineato: “Sono orgogliosa di essere il prefetto dell’Adunata del Piave. E’ la storia che si fa, non solo per il valore del Corpo degli Alpini, amati in tutta Italia, ma per i valori che essi esprimono tra tutti quella dell’unità nazionale”. Secondo Laura Lega il 90esimo raduno delle penne nere è stato un impegno “entusiasmante”.

Il  capoluogo della Marca è un brulicare festoso di alpini, accolti da migliaia di bandierine tricolori lungo le strade di tutti i comuni limitrofi. Domani per la grande sfilata è prevista la presenza di oltre 500mila persone. “Il bilancio – concludono gli organizzatori – lo tracceremo lunedì prossimo, ma si stima un numero doppio rispetto alle altre adunate. Per vari motivi: questo è il 90/o raduno e l’Adunata del Piave coincide con le ricorrenze dei 100 anni della Grande Guerra”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136