QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

A Sellero incontro sul futuro della Riva Acciai. L’azienda: costi energetici troppo alti

mercoledì, 26 febbraio 2014

Cerveno – La situazione della Riva Acciai non è ancora chiara. I lavoratori dei tre stabilimenti della Valle Camonica sono preoccupati e le organizzazioni sindacali sono pronte a chiedere incontri per valutare le prospettive (nella foto sotto la manifestazione dello scorso settembre).

manifestazione riva

Intanto i sindaci dei quattro paesi interessati dagli stabilimenti siderurgici hanno incontrato il direttore, Giorgio Bignotti, e i suoi collaboratori per una valutazione complessiva. Secondo i manager della Riva Acciai non ci sono nell’immediato problemi o ricadute occupazionali, nonostante la congiuntura economica. Potrebbe esserci in prospettiva il ricorso a prepensionamenti e l’ingegner Bignotti ha espresso preoccupazione per i costi dell’azienda, in particolare quelli dell’energia che sono il doppio della Germania e dei principali competitor europei. I sindaci dei quattro Comuni hanno avviato una valutazione e presto avvieranno incontri a livello territoriale con le società partecipate, il Bim e Trenord per discutere i problemi sollevati nell’incontro e per trovare una soluzioni. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136