QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Borno, Ossimo e Lozio: servizio estivo di Guardia Medica a rischio, missive tra direttrice Ats e sindaci

sabato, 9 luglio 2016

Borno – A rischio il servizio di Guardia Medica e continuità assistenziale a Borno, Lozio e Ossimo, i paesi dell’Altopiano del Sole. L’allarme è stato lanciato dai tre sindaci che hanno lanciato l’allarme e scritto al direttore generale dell’Ats della Montagna, Beatrice Stasi. Quest’ultima ha preso carta e penna e scritto ai primi cittadini e al presidente della conferenza dei servizi dei Comuni. Giambettino Polonioli, evidenziando la carenza di medici disponibili per i servizi di Guardia Medica nel periodo estivo.

stasi ats montagna

Nella missiva il direttore generale Beatrice Stasi ha evidenziato che l’Ats ha chiesto all’Ordine dei Medici di Brescia e a quelli delle province limitrofi la disponibilità di medici nel periodo estivo, ma la risposta è stata negativa. Grazie all’impegno dei dirigenti dell’Ats è stata trovata la disponibilità per la settimana tra il 18 e il 24 luglio e ciò garantirà la continuità del servizio a Borno nei mesi di luglio e agosto.

Il direttore sanitario, Lorella Ceccomanni, e il direttore generale Beatrice Stasi hanno evidenziato ai sindaci l’impegno a reperire personale medico e le criticità che si riscontrano sul territorio camuno. Inoltre, oltre alla Guardia medica, esistono dei servizi di di medicina generale e pediatri, con un costo che oscilla tra i 15 e i 35 euro.

La questione resta aperta e la carenza di medici continuerà a far discutere anche dopo il periodo estivo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136