QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno, giallo morte Ghirardini: l’operaio avvelenato da cianuro. Ipotesi omicidio

venerdì, 13 novembre 2015

Ponte di Legno – Colpo di scena: Giuseppe Ghirardini, l’operaio 50enne della ditta Bozzoli di Marcheno (Brescia), trovato senza vita a casa di Viso sopra Ponte di Legno, è morto per avvelenamento da cianuro.

E’ questo l’esito degli accertamenti disposti dalla Procura di Brescia. Nello stomaco dell’operaio dell’azienda Bozzoli (il titolare è sparito l’8 ottobre, dieci giorni prima del ritrovamento del cadavere di Giuseppe Ghirardini) è stato trovato un oggetto, contenente un’anima di cianuro, non naturale e che non si troverebbe sul mercato libero.Ghirardini

Le indagini potrebbero ora essere indirizzate e circoscritte solo all’ambiente di lavoro. L’ipotesi della morte naturale perde quindi forza e perde quota quella di omicidio.

Il contenuto è stato esaminato dai Ris così come i tamponi di materiale biologico ritrovato sull’auto di Ghirardini.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136