Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento: al San Marco lo spettacolo “Il taccuino di Simone Weil”

lunedì, 20 gennaio 2020

Trento – Giorno della Memoria, al teatro San Marco di Trento va in scena mercoledì 22 gennaio “Il taccuino di Simone Weil”.

Lo spettacolo, particolarmente adatto a un pubblico di giovani, ripropone la storia di Simone Weil, fra le personalità più eminenti del pensiero filosofico europeo del Novecento, attraverso le sue letture, i suoi viaggi, ma soprattutto i suoi grandi interrogativi sul mondo e la viscerale necessità di conoscerlo e di comprenderlo.

La grande pensatrice verrà raccontata attraverso gli incontri che la portano a farsi prossima a chi è diverso: il suo farsi operaia, combattente e insegnante per comprendere, per aiutare, per svelare la verità intesa come unica via per sentirsi forti ed uniti. L’invito rivolto agli spettatori è quello di attivare il pensiero, di non cedere all’omologazione, di non rinunciare a manifestare la propria unicità, di reclamare il diritto al rispetto e alla dignità.

L’evento - E’ in programma a pochi giorni di distanza dal Giorno della Memoria. “I sentimenti umani sono quasi cancellati dalle spietate necessità della guerra, ma nella misura in cui continuano a esistere, precari e minacciati, essi esistono puri, e da nessun’altra parte ce ne sono di più puri”, da Simone Weil, L’Iliade o il poema della forza, 1936.

Simone Weil è stata una filosofa, mistica e scrittrice francese - Nata a Parigi nel 1909 in una colta famiglia ebrea, ha vissuto l’epoca più buia della storia europea. Fin da giovanissima affianca allo studio della filosofia un sincero interesse per i problemi di operai, contadini e disoccupati. Rinuncerà alla carriera di insegnante proprio per sperimentare la vita in fabbrica.

Durante l’occupazione nazista della Francia, sfolla prima a Marsiglia e poi a New York. Rientrata in Europa, a Londra, entra nella Resistenza unendosi al comitato nazionale «France Libre» del generale De Gaulle. Ammalatasi di tubercolosi, muore nel sanatorio di Ashford il 24 agosto del 1943.

Mercoledì 22 gennaio, alle 21, Teatro San Marco ospiterà “Il taccuino di Simone Weil”, una pièce di Bam! Bam!



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136