QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

The Floating Piers, tremila persone bloccate alla stazione di Brescia per iperafflusso alla passerella

mercoledì, 22 giugno 2016

Brescia – Cresce il numero dei visitato alla passerella di Christo e e in mattinata circa tremila persone con 400 minori sono stati bloccati alla Stazione Centrale a Brescia diretti a The Floating Piers causa iperafflusso. Sul posto Forze dell’Ordine, Protezione Civile. Disponibili i mezzi di soccorso. Ecco il quadro complessivo degli interventi sanitari per l’evento The Floating Piers dall’apertura ad oggi: sabato 68 interventi, 2 codici rossi, 6 ospedalizzati; domenica 39 interventi, 1 codice rosso, 4 ospedalizzati
lunedì 97 interventi, 4 codici rossi, 8 ospedalizzati; martedì 129 interventi, 7 codici rossi, 12 ospedalizzati e oggi – fino alle 15 - già 100 interventi. Complessivamente, un impegno particolarmente importante per tutto il mondo del soccorso, che sta rispondendo in modo adeguato a tutte le emergenze dei visitatori.

The Floating Pier Sulzano

Nel frattempo la società The Floating Piers ha comunicato al Comitato di Coordinamento che l’opera  rimarrà chiusa dalle 24 di giovedì 23 giugno alle 7.30 di venerdì 24 giugno, per manutenzione. Già dalle 22.00 di domani non sarà più possibile l’accesso all’opera.

IL COMMENTO DELL’ASSESSORE BORDONALI
“I volontari di Protezione civile che in questi giorni stanno facendo un lavoro
straordinario per organizzare i flussi nei pressi dell’opera e nelle stazioni di partenza. Sono circa 450 i volontari impegnati ogni giorno e oltre 40 i mezzi di protezione civile utilizzati, tra sala operativa mobile, cucina, gommoni, fuoristrada e automobili”. E’ il  commento dell’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, in merito  alla attività svolte dalla protezione civile in occasione
dell’evento The Floating Piers.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136