QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Si è concluso domenica il nono palio medioevale di San Martino a Borno

martedì, 16 luglio 2013

Borno- Si è concluso domenica 14 luglio il nono palio medievale di San Martino a Borno, organizzato dall’associazione “6 Contrade” e dalla “Confraternita del Cervo” in collaborazione con le varie associazioni del paese. Trabucco

Dopo la presentazione del venerdì sera, con la sfilata di tutte le contrade e la benedizione dei vessilli, i due giorni di giochi, nella suggestiva cornice del centro storico agghindata per l’occasione e nel parco sottostante la Villa Guidetti, hanno decretato la vincitrice: la contrada di “N font a Buren”, con il punteggio di 91 punti si è aggiudicata l’ambito palio, denominato quest’anno “Omnia Moenia Destruendo” (Abbattendo tutte le mura) in onore del nuovo gioco introdotto per questa edizione: il trabucco, ovvero una macchina da guerra medievale ricostruita secondo i dettami dell’epoca. Al secondo posto la contrada di “Paline”, seguita da “Ciasa”, “N sima a Buren” , “Dasa” e “Quadela”.

Corsa del formaggioIl palio di San Martino vuol essere una ricostruzione storica dei secoli 12° e 13°, con giochi di quei tempi, quali la “pallacorda”, la “corsa dell’ubriaco”, la “corsa del formaggio”, il “tir del borel” ed altri ancora, che coinvolgono più di 250 “campioni” grandi e piccoli di tutto il paese, in un’atmosfera festosa ma densa di agonismo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136