QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Ricordata la figura del patriota Hofer a Sociale di Trento e al passo del Ballino

mercoledì, 22 novembre 2017

Trento - Al teatro sociale di Trento sono stati ricordati i 250 anni della nascita di Andreas Hofer. Andreas Hofer entrò a Trento dal ponte di San Lorenzo il 24 aprile 1809 liberando la città dai Franco-bavaresi. La serata ha visto l’intervento delle autorità tra cui il presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, il vicepresidente del Consiglio Regionale Trentino Alto Adige e il senatore Franco Panizza. E’ stato un momento suggestivo e partecipato, sia il corteo da piazza Duomo che la serata al Sociale.

“Riconoscenza nei confronti di un uomo che ha saputo coniugare la sua vita con i valori in cui credeva. Memoria dei rischi che abbiamo corso negli anni quando nazionalismo e fascismo hanno rischiato di cancellare valori e identità storica di questo territorio. Stimolo a prenderci degli impegni rispetto alla nostra comunità”: così il governatore del Trentino Ugo Rossi ha sintetizzato ieri sera il suo pensiero rispetto alla figura di Andreas Hofer, di cui al Teatro Sociale di Trento si commemoravano i 250 anni dalla nascita, dopo una sfilata degli Schützen per le vie del centro cittadino.hofer - serata - Trento

Dopo il saluto delle autorità – oltre al presidente Ugo Rossi, il vice presidente del Consiglio regionale Lorenzo Ossanna e il comandante della Federazione Schützen del Trentino Enzo Cestari, è andato in scena lo spettacolo “Andreas Barbòn”, con testi di Mauro Neri, canti del Coro Croz Corona e accompagnamento della Banda Musicale di Mezzocorona.
Il vice presidente Ossanna ha sottolineato l’importanza di illuminare un pezzo dimenticato della nostra storia, mentre Enzo Cestari ha tracciato un profilo storico di Hofer.
“Oggi – ha aggiunto il presidente Rossi – dobbiamo sentirci legati alla nostra cultura, con la capacità di guardare ai cambiamenti che sono intervenuti e lo sguardo verso il futuro. Lo vogliamo fare, assieme ad Alto Adige e Tirolo, nell’ambito dell’Euroregione. Se non si è concretizzato il rischio di perdere la nostra identità lo dobbiamo a coloro che ci hanno raccontato un pezzo della nostra storia che ci era stato taciuto e non ci veniva insegnato. Oggi i giovani hanno la possibilità di riscoprire questi valori ed affrontare, forti di questa storia, le dinamiche che la globalizzazione ci mette davanti, coltivando l’amore e la responsabilità per la nostra terra”.trento hofer
Nel pomeriggio in località Ballino (Fiavé) c’era stata la deposizione di una corona di fiori in onore di Andreas Hofer. Al passo del Ballino, tra le valli Giudicarie e il Garda, è stato ricordato il patriota Andreas Hofer, nei 250 anni dalla sua nascita a San Leonardo in Passiria. Giovanissimo fu prima al servizio della famiglia de Miller di Cles e poi “famei” (servo domestico) nell’osteria di questa località del Trentino, gestita allora dalla famiglia Zanini Armani: un luogo di passaggio importante per mercanti che da Tirolo si recavano sul Garda. Qui Hofer si fermò per tre anni, dal 1785 al 1788, prendendo l’appellativo di “oste barbon”.

Di lui – eroe tirolese – si ricordano spesso, giustamente, le imprese militari alla guida degli insorti contro gli occupanti franco-bavaresi. ”Dilettissimi tirolesi italiani”, scriveva, in piena guerra, nelle vesti di “Comandante superiore del Tirolo”. Era il 4 settembre 1809, solo qualche mese prima della sua morte a Mantova. Questa sua intuizione – mettere prima ciò che unisce rispetto a ciò che divide – è di grande attualità.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136