QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: il libro di Emanuela Zanotti svela un inedito Paolo VI

mercoledì, 7 agosto 2013

Ponte di Legno – I rapporti tra Paolo VI e Ponte di Legno sono stati svelati ieri sera nel corso della presentazione del libro “Quando Paolo VI era bambino” di Emanuela Zanotti.  Alla serata erano presenti Fausto Montini, nipote di Paolo VI, e la famiglia Montini che da quasi mezzo secolo frequenta d’estate la località turistica dalignese. La serata è stata condotta dalla professoressa Giulia Trigari.

LE FIGURE STORICHEponte di legno

La scrittrice e giornalista Emanuela Zanotti ha ricostruito, anche attraverso le lettere dei familiari gli anni giovanili di Giovanni Battista Montini. Tre sono le figure che hanno segnato quegli anni del futuro sacerdote e poi Papa Paolo VI. In primo luogo la mamma, poi nonna Francesca Buffali e la balia, che lo ha seguito nei primi anni di vita. A lei il neo sacerdote Giovanni Battista Montini rivolge il pensiero e alle sue figlie dice: “Scusate se vi ho tolto un po’ di tempo a vostra madre”.

IL PADRE GIORGIO

Esponente di spicco del Partito Popolare, eletto deputato nel 1919, il padre Giorgio è stato il primo a scoprire la vocazione sacerdotale di Giovanni Battista Montini. Altre figure di riferimento per il giovane Montini è stato padre Giulio Bevilacqua, un vero padre spirituale. Durante la serata, inserita nel contesto del 35° anniversario della morte di Paolo VI e delle manifestazioni in programma fino al 9 agosto, si è parlato dei legami con l’allora parroco di Ponte di Legno, don Giovanni Antonioli.

IL NIPOTE 

Nella testimonianza del nipote Fausto Montini è stato evidenziato il rapporto con i familiari e soprattutto le lettere che il cardinal Montini prima e Papa Paolo VI dopo ha scritto ai familiari. “Ponte di Legno – ha detto il nipote – rappresentava un punto di rifierimento e d’incontro per tutta la famiglia. Qui ci si incontrava tutti ed era l’unico appuntamento dell’anno”. Tra le lettere svelata durante la serata quella del 17 agosto 1950, quando il giovane sacerdote Giovanni Battista Montini raccontò una bellissima gioranta trascorsa con i parenti in terra dalignese. Il libro di Emanuela Zanotti porta alla luce un Giovanni Battista Montini inedito e legatissimo a Ponte di Legno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136