Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Notturno, evento culturale nel castello Carmagnola di Clusane d’Iseo

giovedì, 14 marzo 2019

Clusane d’Iseo – Un grande progetto culturale nel castello Carmagnola di Clusane d’Iseo (Brescia) con serate dedicate alla poesia, alla musica, alla fotografia e all’architettura. Si chiama “Notturno” il nuovo progetto dell’Associazione culturale “Pensiero Segni Forme”, che è stato svelato a Brescia e che sarà articolato fino al 28 aprile, il martedì, venerdì, sabato e domenica dalle 18 alle 22

Notturno Clusane IseoDopo il successo della mostra abbinata all’evento The Floating Piers, in cui attraverso «gli occhi di Wolfgang Volz» sono state riviste le immagini della produzione artistica di Christo, l’associazione ha deciso di continuare l’attività di approfondimento culturale.

Nella ricerca di un argomento che potesse catalizzare l’attenzione su più aspetti dell’arte, ci si è imbattuti nel «canto notturno del pastore errante dell’Asia», in cui Leopardi dalla lettura di una cronaca di viaggio del barone russo Egor Mejendorf nelle steppe dell’Asia, è affascinato dall’abitudine dei pastori kirghisi di accompagnare la solitudine notturna intonando canti alla luna.

“PensieroSegniForme”, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Bergamo e Brescia, ha promosso un nuovo progetto chiamato “Notturno”, inteso come momento intimo dell’anima, la notte, il sogno, l’utopia, il crepuscolo, indagandolo sotto molteplici aspetti attraverso una serie di artisti contemporanei. Il progetto è articolato tra le immagini notturne del fotografo Mauro Pini e  le opere di terracotta di Maria Castagna. L’architettura nelle due serate di approfondimento porterà attraverso Wright e Hoffman ad approfondire Carlo Scarpa nel sublime passaggio tra la vita e la morte attraverso la Tomba Brion. Inoltre saranno scoperte le affinità tra Otto Wagner e Antonio Sant’Elia nell’architettura dell’utopia e del sogno e per la parte musicale eseguiti brani di Beethoven, Chopin, Bizet, Debussy, Scriabin, Elgar, Enescu, Margola, Boulanger e una sessione di improvvisazione jazz. La poesia di Giacomo Leopardi, Alda Merini, Ungaretti Cesare Pavese. Durante la Settimana Santa, vi sarà una serata in cui l’Opera Sacra intervallerà la lettura di brani scelti a tema delle Sacre Scritture.

Presentazione - Notturno

IL PROGRAMMA 

Ci sono notti che accadono…

Mostra fotografica di Mauro Pini con testi di Paola Guerini fino al 28 aprile

Frammenti di invisibilità

Sculture di terra a tema di Maria Castagna fino al 28 aprile

Poesie di Giacomo Leopardi e Alda Merini

Serata di musica e poesia il 19 marzo

Otto Wagner e Antonio Sant’Elia, utopia e architettura

Conferenza di Franco Fonatti il 26 marzo

Poesie di Cesare Pavese

Serata di musica e poesia il 2 aprile

Poesie di Ungaretti

Serata di musica e poesia il 9 aprile

Opera sacra lirica

Serata di musica il 16 aprile 



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136