QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

La Villa in Val Badia: la Giornata della Cultura Ladina su “Migrazione: culture in movimento”

sabato, 22 ottobre 2016

Val Badia – Giornata della Cultura ladina 2016. ”Migrazione: culture in movimento” tema della manifestazione organizzata dal Dipartimento Cultura Ladina a La Villa.

assessore bolzano mussner

Pubblico delle grandi occasioni alla Casa della Cultura a La Villa in Val Badia per la ricorrenza annunale della Giornata della Cultura Ladina. Al centro della manifestazione del 2016 la migrazione, una tematica alquanto attuale anche per la valli ladine. L’assessore provinciale Florian Mussner (nella foto) ha affermato che è di assoluta importanza coltivare e salvaguardare la propria cultura e identità, ma allo stesso tempo è opportuno essere aperti nei confronti di altre culture. La vita futura, secondo il suo punto di vista, sarebbe sempre più come un gruppo di identità che convive pacificamente nel rispetto reciproco. Per tale ragione sarebbe necessario fare tutto il possibile, affinché le persone siano in grado di vivere nella nostra realtà sociale rispettandone le regole, ed integrandovisi. Ogni persona può fornire il proprio contributo in tal senso.

Dopo una breve introduzione del direttore della Ripartizione Cultura e Intendenza scolastica ladina, Alexander Prinoth, del fenomeno della migrazione ha parlato Franz Kripp, direttore della Caritas della Diocesi di Bolzano-Bressanone. Ha ricordato come la migrazione non derivi sempre da fuga e costrizione, ma anche da motivi di lavoro e studio. L’Europa è interessata dal 10 per cento della migrazione mondiale e in Alto Adige le persone immigrate ammontano a circa il nove per cento. Da ricordare, però, anche i circa 30mila altoatesini espatriati. Come ha proseguito Kripp, è importante conoscere e apprezzare la propria lingua e cultura, ma anche rispettare le culture degli altri, perché solo così si possono creare delle intersezioni ai fini di una nuova forma di convivenza. Quello che per noi è possibile, spesso non vogliamo riconoscerlo agli altri, come ha fatto presente il direttore della Caritas diocesana.

La tematica è stata, quindi, affrontata anche in una discussione a quattro, moderata da Sara Frenner, alla quale hanno partecipato l’assessore Mussner, Clara Comploj, responsabile per l’integrazione nel Dipartimento, André Comploj (che vive e lavora da oltre un anno a Vienna) e Gábor Sógorska (che vieve e lavora da alcuni anni in Alto Adige). La manifestazione è stata accompagnata dalla Scuola di Musica della Val Badia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136