QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il Museo della Preistoria della Valle Camonica è ora una realtà

sabato, 10 maggio 2014

Capo di Ponte – Il Museo della Preistoria di Valle Camonica è ora una realtà. Nel pomeriggio è stato inaugurato a Villa Agostani di Capo di Ponte (Brescia) il nuovo Museo. Tra le autorità presenti, oltre al sindaco di Capo di Ponte, Francesco Mennella, e agli amministratori della Valle Camonica, Caterina Bon Valsassina, direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia, Filippo Maria Gambari, soprintendente per i Beni Archeologici della Lombardia, Raffaella Poggiani Keller, già Soprintendente per i Beni Archeologici della Lombardia e curatore del Museo, Simona Ferrarini, presidente del Distretto Culturale di Valle Camonica e Sergio Bonomelli, presidente del Gruppo Istituzionale di Coordinamento del sito UNESCO 94.Museo Preistoria

DOVE SI TROVA

Il Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica è ospitato nell’antico edificio di Villa Agostani nel centro storico di Capo di Ponte, integra, con l’esposizione dei reperti, il patrimonio di immagini incise sulle rocce e ricompone, in un insieme inscindibile, l’espressione identitaria della Valle Camonica, famosa in tutto il mondo per lo straordinario complesso di raffigurazioni incise sulle rocce, in gran parte risalenti alla Preistoria. Se dunque è noto al vasto pubblico il patrimonio iconografico di queste antiche popolazioni, meno conosciuti sono gli aspetti del loro vivere quotidiano, emersi solo negli ultimi 30 anni grazie a numerosi interventi di archeologia preventiva e di ricerca condotti in Valle. Il direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia, ha sottolineato che “la comunità, fin dall’età del Ferro erano note come Camunni, riferibili ai vari abitati, luoghi di lavoro, di culto e sepolture”.

IL PROGETTO

La Lombardia prosegue il percorso di valorizzazione concreta del proprio immenso patrimonio culturale. Con il nuovo bando relativo alle aree archeologiche e siti Unesco il Pirellone metterà a disposizione del territorio ulteriori 1,5 milioni di euro. L’annuncio è stato dato dall’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia presenta l’apertura del nuovo bando per la “promozione di interventi di valorizzazione del patrimonio archeologico e dei siti UNESCO – anno 2014′. In Lombardia sono nove e uno dei più visitati è appunto quello della Valle Camonica, arricchito ora dal Museo inaugurato nel pomeriggio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136