QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

I suoni delle Dolomiti, musica e trekking nel cuore delle Dolomiti. Il programma dell’evento

mercoledì, 1 luglio 2015

Val di Fassa – Le montagne del Trentino accolgono anche quest’anno un festival unico al mondo per la sua collocazione ambientale e la varietà delle sue proposte: I Suoni delle Dolomiti. Questa 21^ edizione ribadisce il rapporto stretto tra la musica di qualità e uno scenario naturale di irresistibile fascino, fatto di rocce, erba, boschi, vento, che diventa all’occasione anche un prezioso spazio acustico. Non è un caso quindi che l’edizione 2015 parta simbolicamente con un trekking di più giorni (a numero chiuso): un’esperienza unica per entrare in contatto intimo con la montagna.

Protagoniste di questa tre giorni, che prenderà il via il 2 luglio, saranTrentino montagne Dolomitino le cime della Val di Fassa e il violoncellista Mario Brunello assieme ad altri due interpreti di altrettanta esperienza internazionale quali il fisarmonicista Ivano Battiston e il contrabbassista Gabriele Ragghianti, entrambi capaci di imprimere ai propri strumenti virtuosistiche e innovative inflessioni espressive.

Il trio proporrà anche un concerto finale aperto a tutti, al Rifugio Contrin il 4 luglio alle ore 13. Il trekking e il concerto si inseriscono nel progetto avviato due anni fa in ricordo della Grande Guerra che condurrà alla costituzione, nel 2018, di un’“orchestra della pace”; progetto che vede coinvolto anche in fase ideativa lo stesso Mario Brunello, di volta in volta affiancato da musicisti diversi provenienti dalle nazioni che parteciparono a quel tragico conflitto.
Il concerto conclusivo al Rifugio Contrin sarà un significativo momento nel quale sarà riassunta l’esperienza appena vissuta insieme ai partecipanti al trekking: un’esperienza artistica ed escursionistica, ma soprattutto di vita e un’occasione per riflettere affinché le tragedie del passato non abbiano più a ripetersi. Nell’occasione, Brunello, Battiston e Ragghianti eseguiranno musiche di compositori legati al periodo storico della Prima guerra mondiale e di autori di repertorio, includendo nel novero anche una pagina contemporanea scritta dalla russa Sofia Guibaidulina in omaggio alle sofferenze dell’umanità, “In Croce”.

BIOGRAFIA BRUNELLO
Mario Brunello è ospite de I Suoni delle Dolomiti sin dalla prima edizione: nel corso degli anni si è fatto ascoltare in molteplici contesti, in coppia con Marco Paolini, Vinicio Capossela, Claudio Fasoli, Margherita Hack, Paolo Fresu, Danilo Rossi e molti altri, oltre che in completa solitudine; ha inoltre partecipato a trekking insieme a Isabelle Faust e agli alpinisti Cesare Maestri e Nives Meroi. Tra le rocce e le malghe delle Dolomiti il violoncellista veneto si trova dunque pienamente a suo agio, ancor più che sui palcoscenici di prestigiose sale da concerto internazionali, che peraltro calca abitualmente: «Sulle Dolomiti c’è il pubblico più ricettivo al mondo», dice l’illustre musicista. «Incontrare queste persone e suonare per loro è forse la cosa più bella che mi sia capitata di fare». Specialista del repertorio bachiano, Mario Brunello è artista dagli ampi orizzonti e a testimoniarlo sono proprio le collaborazioni con esponenti del mondo del jazz, della canzone d’autore, del teatro e della poesia. Del 2011 è la pubblicazione di Fuori con la musica (Rizzoli), libro nel quale Brunello espone la sua visione della musica e racconta le esperienze vissute tra le Dolomiti. Di recente è uscito un altro libro scritto dal violoncellista, Silenzio, edito da Il Mulino.

BIOGRAFIA BATTISTON
Ivano Battiston ha studiato fisarmonica con Salvatore di Gesualdo diplomandosi con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore al Conservatorio di Castelfranco Veneto; nel 1978 ha vinto il primo premio al Trophée Mondial de l’Accordeon. Svolge attività concertistica per prestigiose istituzioni musicali italiane e straniere e come solista ha suonato con alcune tra le più importanti orchestre e collaborato con numerosi strumentisti di pari prestigio. Come compositore è stato premiato al Concorso Internazionale di Composizione Umoristica di Roma 1993, al Concorso Internazionale PanAccordion 2000 di Oulu, in Finlandia, al Concorso Nazionale di Composizione di Pontremoli 2001 e alla Rassegna “Bio Boccosi” 2012. È titolare della cattedra di fisarmonica al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze.

BIOGRAFIA RAGGHIANTI
Gabriele Ragghianti è nato a Lucca, dove ha intrapreso gli studi musicali presso l’Istituto Musicale “Luigi Boccherini”. Dal 1988 è primo contrabbasso solista del gruppo da camera “I Solisti Veneti”. Come solista ha suonato in tutto il mondo, esibendosi in importanti sale concertistiche come la Schauspielehaus di Berlino, la Stefaniensaal di Graz, l’Auditorium della Rice University di Houston, il Teatro Teresa Carrenho di Caracas, il Seoul Arts Center e la Salle Pleyel di Parigi. È titolare della cattedra di contrabbasso presso l’Istituto Musicale “Luigi Boccherin” e dal 2013 è double bass professor presso il Royal College of Music di Londra, una delle più prestigiose università del mondo.

IL RIFUGIO
Il Rifugio Contrin – dove si terrà il concerto del 4 luglio – si raggiunge dal piazzale della Funivia Ciampac ad Alba di Canazei lungo il sentiero 602 (ore 2.30 di cammino, dislivello 550 metri, difficoltà E). In occasione del concerto è possibile partecipare a un’escursione con le Guide Alpine passando da Locia Contrin (ore 2.20 di cammino, dislivello 550 metri, difficoltà E; partecipazione gratuita su prenotazione, 0462 609550 – 0462 609550, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19).
In caso di maltempo il concerto del 4 luglio si svolgerà al Cinema Marmolada di Canazei alle 17.30.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136