QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Giorno del ricordo, a Trento iniziative rivolte agli studenti. Rossi: “Occasione per riflettere”

giovedì, 9 febbraio 2017

Trento - Iniziative rivolte anche alle scuole secondarie in occasione della ricorrenza del 10 febbraio. Rossi: “Giorno del ricordo, un’occasione per riflettere sul dramma delle persecuzioni e degli esodi”. Il 10 febbraio è il Giorno del ricordo, ricorrenza istituita con legge nazionale nel 2004 per “ricordare la tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati”, nel quadro degli sconvolgimenti che interessarono l’area fra le due guerre mondiali. Anche in Trentino, per iniziativa fra gli altri della Provincia autonoma di Trento, dei Comuni di Trento e Rovereto, dell’Associazione Nazionale Giulia e Dalmazia, della Fondazione Museo storico del Trentino, si terranno diverse iniziative per commemorare le vittime di quegli eventi e promuovere la comprensione delle sofferenze delle popolazioni che abitavano i territori del “confine orientale”, rivolte anche ai giovani, in particolare agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

“Confrontarsi con la storia delle foibRicordo Trentoe e dell’esodo degli italiani da quelle terre – sottolinea il presidente della Provincia, Ugo Rossi – vuol dire andare alle radici delle grandi tragedie prodotte nel secolo scorso dai nazionalismi, dalle dittature, dall’intolleranza e dal pregiudizio razziale. Tragedie che abbiamo conosciuto anche qui in Trentino, a partire dalla Prima guerra mondiale, che ha comportato non solo la morte di tanti combattenti ma anche immani sofferenze per le popolazioni civili, costrette a lasciare le loro case e le loro valli. Trent’anni dopo, anche il Trentino ha accolto i profughi italiani provenienti da Slovenia e Croazia, nel quadro dei giganteschi spostamenti forzati di popolazioni che hanno interessato tutta l’Europa postbellica. E il dramma degli esodi, anche oggi, ovunque nel mondo, continua. Di fronte a tutto questo, abbiamo ad un tempo il dovere di ricordare, di ascoltare i testimoni e i loro eredi, di approfondire la conoscenza dei fatti, tramandandola alle nuove generazioni, ma anche di trarre degli insegnamenti più generali. Il primo dei quali è sempre: no al sonno della ragione, no ad ogni forma di nazionalismo, di intolleranza, di persecuzione. Riconosciamoci, sempre, tutti, come parte della stessa razza umana”.

Nell’ambito delle iniziative previste per il Giorno del ricordo – oltre alle celebrazioni ufficiali, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose – la Fondazione Museo storico del Trentino organizza, per le scuole secondarie di secondo grado, presso Le Gallerie di Piedicastello, nei giorni 9 e 10 febbraio 2017, alle 9.30-12.00, un’attività didattica gratuita sul tema “Storia del confine orientale, dalla Grande Guerra all’esodo istriano”.

Alle Gallerie di Piedicastello è inoltre visitabile per le scuole la mostra “Istria, Fiume e Dalmazia per non dimenticare”, realizzata dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia. L’iniziativa è gratuita e le prenotazioni saranno accettate fino ad esaurimento posti. E’ possibile prenotarsi via mail all’indirizzo didattica@museostorico.it oppure telefonando al numero 0461-230482.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136