Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Esine: Martina Galasso nel successo del 61esimo Zecchino d’oro

sabato, 1 dicembre 2018

Bologna – “La rosa e il bambino”, cantata da Martina Galasso e Alyssia Palombo, ha vinto la 61esima edizione dello Zecchino d’Oro. Un successo targato Valle Camonica: Martina Galasso, 10 anni, abita a Esine (Brescia) e frequenta le Medie del paese camuno, è entrata nella storia. E’ stata la prima bambina a rappresentare la Valle Camonica alla prestigiosa manifestazione canora all’Antoniano di Bologna e a vincerla.

Martina e Alyssia 1“La rosa e il bambino” è una fiaba che racconta di una rosa sbocciata in un inverno gelido destinato a rimanere eterno per un incantesimo di una strega. Solo chi avrà un cuore dolce e pieno d’amore potrà scaldare la rosa infreddolita e spezzare l’inverno. Sarà un bambino che, con la sua semplicità e dolcezza, riuscirà a distruggere l’incantesimo e riportare il calore dell’amore.

Dopo una finale all’ultima nota, il 61° Zecchino d’Oro è stato assegnato a “La rosa e il bambino”, testo di Mario Gardini e musica di Giuseppe De Rosa, cantata da Martina Galasso, 10 anni di Esine, con Alyssia Mengbwa Palombo 8 anni di Assisi (Perugia). Al secondo posto si è posizionata “Meraviglioso è”, mentre al terzo posto “Chi lo dice che”.

Frizzanti i conduttori, Francesca Fialdini e Gigi & Ross, affiancati da una giuria di esperti composta da Carlo Conti, Cristina D’Avena, Micaela Ramazzotti e Bianca Atzei, che insieme a una giuria di bambini in studio e una specialissima giuria di bambini da Aleppo, hanno decretato il brano vincitore, i cui autori sono stati premiati con un CD in vetro di murano realizzato da Seguso Vetri d’Arte. Le 12 canzoni in gara sono state eseguite dai 16 solisti accompagnati dal Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni.

Zecchino d'oro“Meraviglioso è”, testo e musica di Stefano Rigamonti, cantata da Giulia Murrai, 9 anni di Cabiate (Como), ha vinto il premio “Zecchino d’Oro per la Scuola”, assegnato da un panel di insegnanti da tutta Italia, e “Lo Zecchino della Galassia”, consegnato dai cori affiliati all’Antoniano.

Infine, lo “Zecchino Web”, assegnato dal pubblico a casa che ha votato attraverso il sito www.zecchinodoro.rai.it, è stato assegnato a “La cicala latina”, testo e musica di Antonio Buldini e Gianfranco Fasano, cantata da Victoria Cosentino, 6 anni di Sant’Andrea Apostolo dello Jonio .

Tra gli ospiti della puntata, una meravigliosa bambina proveniente dalla Siria, che ha cantato “La Terraluna”, canzone che vinse il 41° Zecchino d’Oro inneggiando ad un mondo libero e ricco di pace e amore per tutti. Il momento è stato l’occasione per sottolineare la vicinanza di Antoniano non solo ad alcune situazioni in Italia, ma anche a realtà più lontane: quest’anno infatti, “Operazione Pane” arriva fino in Siria e sostiene anche una realtà francescana di Aleppo, per garantire pasti alle famiglie vittime del conflitto. “Operazione Pane” iniziativa avviata nel 2014, è arrivata a coinvolgere 14 mense che ogni giorno accolgono persone e famiglie in difficoltà partendo da un pasto caldo per promuovere, attraverso la relazione e interventi strutturati sui singoli soggetti, il reinserimento positivo all’interno del tessuto sociale. A partire dall’8 novembre fino al 15 dicembre è attivo il numero solidale 45588. Per sostenere le mense di Operazione Pane, si può donare con un SMS dal valore di 2 euro da cellulare Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali oppure con una chiamata da rete fissa sempre al 45588 del valore di 5 euro con TWT, Convergenze, PosteMobile, oppure di 5/10 euro da rete fissa TIM, Wind 3, Fastweb, Vodafone e Tiscali. Alla fine della puntata i pasti donati sono stati 105.000.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136