QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Borno, proclamati i vincitori del concorso letterario. I premiati

lunedì, 21 agosto 2017

Borno – Sono stati proclamati i vincitori della 10° edizione del concorso letterario con una serata finale di premiazione del “Concorso Letterario – Racconta una storia breve”. Si è svolta presso l’anfiteatro del Parco Rizzieri di Borno (Brescia) la sempre attesa serata finale di premiazione dei vincitori della 10^ edizione del “Concorso Letterario – Racconta una storia breve”, organizzata dall’Associazione Circolo Culturale “La Gazza” e “Borno Incontra”, avente quest’anno per titolo “Altri possibili mondi”.

Ecco i vincitori ufficiali tra i 386 racconti pervenuti da tutta Italia e anche dall’estero, record assoluto per questa manifestazione: Margherita Pizzeghello di Rosolina che ha ricevuto il “Primo Premio per la Categoria Adulti”; Simone Zambruno di Ravenna a cui è stato assegnato il “Premio Speciale della Giuria”; Enrico Barbieri di Montale con il “Primo Premio per la Categoria SMS & WHATSAPP Ragazzi Under 14”; Roberta Ventura di Vezza d’Oglio e Marilina Daniele di Pagani che si sono aggiudicate ciascuna la “Menzione Speciale della Giuria” per la “Categoria Adulti”; Daniele Bertelli di Borno che ha ricevuto il “Premio Speciale Istituto Bonafini Lab”.

La scrittrice e insegnante Margherita Pizzeghello di Rosolina, vincitrice del premio di 300 euro, con targa e attestato, ha raccontato con sentimento che “altri possibili mondi” possono nascere dalle “orecchie del cuore e dell’anima”, dove il linguaggio universale della musica diventa il “motivo” dell’intenso legame tra una maestra ed il proprio figlio violinista per superare le difficoltà della vita.

Simone Zambruno di Ravenna, vincitore del premio di 150 euro, con targa e attestato, ha descritto con ricchezza di immagini oniriche un magico micromondo popolato di fate. L’immaginifica atmosfera del racconto muta d’improvviso con l’arrivo dei camaleonti per un finale sorprendente.

Enrico Barbieri di Montale, vincitore di uno “Smartwatch”, con targa e attestato, ha scritto un sms da fiaba con protagonisti uno gnomo di nome Gilberto, una pietra luccicante e le patate “animate” dell’orto. “Altri possibili mondi” s’incontrano anche grazie alla leggerezza e alla semplice fantasia.

Roberta Ventura di Vezza d’Oglio, premiata con attestato, ha raccontato una storia vera, osteggiata da malelingue e convenzioni, dove il “migliore dei mondi possibili” si trova nel volto di chi si ama. Narrazione struggente che ha offerto un affresco sincero dell’Italia tra le due guerre.

Marilina Daniele di Pagani, anch’essa premiata con attestato, ha presentato il lungo sogno di una giovane che, tra timori e speranze famigliari, ha dovuto accettare la dura realtà. La presenza di un “passaggio segreto”, della casa e del cuore, è diventato metafora per accedere ad un “altro possibile mondo”.

Daniele Bertelli di Borno, premiato con un buono da 100 euro presso la Cartoleria Coccinella di Borno, Targa e Attestato, ha raccontato che la ricerca della felicità non passa dalla creazione di un nuovo pianeta ma da uno imperfetto come la Terra, mettendo in risalto i pregi e i difetti della nostra civiltà.

La presidente di giuria, Patrizia Spinato, nel corso della serata si è complimentata per l’elevato numero di elaborati pervenuti che suggellano l’importanza ed il valore riconosciuto di questo Concorso Letterario in Italia, confermando la crescente qualità dei lavori che hanno accompagnato i membri di Giuria in “altri possibili mondi” dai contesti più svariati così come testimoniano i racconti vincitori.

Per il “Premio Speciale Istituto Bonafini Lab” è intervenuta anche la professoresssa Elena Marchi che ha collaborato a questa nuova Categoria, confermando l’entusiasmo dei giovani studenti dell’Istituto Comprensivo “Bonafini” di Cividate Camuno nel partecipare ad un’edizione improntata alla fantasia e all’immaginazione.

Ospite d’Onore della serata la Prof.ssa Annamaria Berenzi, vincitrice del Premio Nazionale Insegnanti denominato “Italian Teacher Prize” e istituito dal Miur, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, scelta su oltre undicimila concorrenti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136