QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Zambana, trovato morto in un canalone base jumper lanciatosi dalla Paganella

lunedì, 28 agosto 2017

Zambana – Trovato senza vita il terzo basejumper lanciatosi dalla cima della Paganella. Gli uomini del Soccorso alpino del Trentino hanno trovato senza vita il terzo basejumper, 26 enne di nazionalità australiana, disperso dopo un lancio con la tuta alare dalla cima della Paganella avvenuto durante la mattina.

Soccorso Alpino elicottero

Il deceduto faceva parte di un gruppo di tre basejumper stranieri che si sono lanciati in mattinata dalla cima della Paganella (dalla zone delle antenne) con destinazione Zambana vecchia.

Solo uno dei tre però è riuscito a raggiungere la destinazione e quando si è accorto che i compagni non arrivavano ha subito lanciato l’allarme, telefonando al Numero Unico di emergenza 112.

Sono quindi scattate subito le operazioni di soccorso per la ricerca dei due dispersi. Alle operazioni hanno partecipato un elicottero di Trentino emergenza e le squadre di terra, composte da circa 30 uomini, dell’Area operativa Trentino Centrale del Soccorso alpino del Trentino. Presenti anche i Vigili del fuoco volontari della zona e i Carabinieri.

Il primo dei basejumper dispersi è stato trovato ferito, con politraumi, in una zona impervia intorno alle 13.30; non è in pericolo di vita. E’ stato quindi recuperato con l’elicottero con il verricello e trasportato all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Il secondo basejumper è stato trovato poco fa, purtroppo senza vita, a circa 800 metri di quota in un canalone, in una zona molto impervia, tra i laghi di Lamar e Zambana vecchia, poco distante dal sentiero SAT 680.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136