QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Vittime delle foibe, la condanna di Rossi per la targa bruciata in largo Pigarelli

lunedì, 30 ottobre 2017

Trento – “Ogni atto di vandalismo è da condannare ma quando prende di mira simboli importanti del dolore collettivo lo è ancora di più. Il nuovo danneggiamento ai danni della targa che commemora le vittime delle foibe è un gesto dettato dall’ignoranza, che colpisce chi non può replicare e che la città respinge decisamente, così come respinge altre provocazioni gratuite e vigliacche. Siamo una terra che coltiva i valori del dialogo, della tolleranza e della riconciliazione e coltiviamo una memoria che ricucisce le lacerazioni della storia. Questi comportamenti non ci appartengono in alcun modo”. Questo il commento del presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi in merito all’atto di vandalismo che ha preso a bersaglio la targa commemorativa dedicata alle vittime delle foibe di largo Pigarelli.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136