QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad


Violenza domestica, resistenza e droga: doppio blitz della Polizia a Trento

lunedì, 5 febbraio 2018

Trento – Ieri sera verso le 23.30, la Squadra Volante è intervenuta in via Marighetto per una violenza domestica. Gli agenti sul luogo dell’aggressione, dopo aver soccorso una donna di origine tunisina che aveva riportato gravi lesioni al volto, hanno iniziato una lunga ricerca dell’aggressore che si è conclusa stamattina con il suo fermo di polizia giudiziaria.

Nel corso della denuncia la donna ha raccontato agli Agenti che il suo compagno, C. B. di 41 anni tunisino, era entrato in appartamento e dopo averla minacciata di morte l’aveva ripetutamente colpita con numerosi colpi al volto; fendenti che non hanno avuto esito letale soltanto per i disperati tentativi di difesa della donna come dimostrano le ferite riportate anche alle braccia.

L’aggressore è scappato prima dell’arrivo degli Agenti facendo perdere nell’immediato le proprie tracce. Subito dopo è iniziata un’importante azione di ricerca del fuggitivo con diverse pattuglie della Squadra Volante e personale della Squadra Mobile.

Le ricerche, continuate tutta la notte, hanno consentito alla Squadra Volante, che aveva stretto il cerchio intorno al fuggiasco, di individuare l’uomo questa mattina con ancora indosso i vestiti intrisi del sangue della donna.

Nel frattempo, mentre la donna era ricorsa alle cure del locale Pronto Soccorso per suturare le gravissime ferite riportate, C.B. è stato condotto presso gli Uffici della Questura e sottoposto al fermo di polizia giudiziaria per i reati di tentato omicidio e lesioni personali gravissime. Successivamente è stato tradotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

polizia-0ALTRO BLITZ SABATO

Sabato la Squadra Volante è intervenuta presso il “Caffè 34” di Piazza Duomo dove un uomo a bordo di una bicicletta si era avvicinato ai tavolini del bar sottraendo una borsetta da donna, lasciata appoggiata dalla proprietaria su una delle sedie. Nonostante il tentativo di fuga il soggetto è stato prontamente raggiunto dagli agenti che, malgrado la sua notevole aggressività, sono riusciti ad assicurarlo all’interno dell’autovettura di servizio. Lo stesso è stato anche trovato in possesso di sostanza stupefacente di tipo cocaina. Uno degli agenti intervenuti è stato costretto a ricorrere alle cure del locale Pronto Soccorso a causa delle lesioni riportate.

Il responsabile J. S., di anni 24, nato a Bolzano, è stato quindi tratto in arresto per il reato di resistenza nonché denunciato in stato di libertà per ricettazione e segnalato in via amministrativa per possesso di sostanza stupefacente. Lo stesso veniva condotto presso la locale Casa Circondariale in attesa di giudizio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136