QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vigo di Fassa: domani l’addio a padre Fumenzio Ghetta, morto a 94 anni

mercoledì, 23 aprile 2014

Vigo di Fassa –  Domani alle 14. 3o nella chiesa di Vigo di Fassa si terranno le esequie di padre Fumenzio Ghetta, morto all’età di 94 anni, nell’infermeria dell’Ordine in via Valsugana a Trento. Il frate francescano, originario di Vigo di Fassa era famoso per le sue ricerche e studi, in particolare sull’Aquila di San Venceslao e sui confini della Marmolada. Vasto il cordoglio in Trentino. “Con la scomparsa di padre Frumenzio Ghetta – dice Ugo Rossi, presidente della Provincia di Trento – il nostro territorio perde una delle figure più autentiche ed appassionate della ricerca storica. Si deve proprio al suo certosino lavoro di studioso il ritrovamento, nel 1971, della pergamena originale firmata da re Giovanni di Boemia nel 1339 che conferiva al Trentino lo stemma dell’aquila di san Venceslao che, ancora oggi, è il simbolo della nostra Autonomia. Anche per questo, oltre che per il suo valente lavoro di studioso della minoranza ladina, il mio pensiero va oggi a lui e alla dedizione che ha sempre riservato alla sua terra, alle nostre radici. Il Trentino saprà e dovrà conservarne riconoscente memoria”. Ugo Rossi, presidente della Provincia autonoma di Trento, ha così  ricordato a nome di tutti i trentini, la figura di padre Frumenzio Ghetta.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136