QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vandalismo, due episodi in Valtellina: i carabinieri scoprono i responsabili

sabato, 10 dicembre 2016

Morbegno - Risale ai primi giorni di ottobre la notizia dell’incendio del locale sondriese Openshop24. Nell’area, adibita a ristoro, con le tante macchinette erogatrici di bevande e vivande, vicino alla stazione ferroviaria, qualcuno, la notte del 7 ottobre,  ha dato a fuoco la carta nel cestino dei rifiuti, all’interno del locale.

In pochi minuti la plastica del contenitore si è sciolta e ha creato fumo nero che ha saturato l’ambiante mentre le fiamme continuavano ad espandersi. Solo l’intervento dei Vigili del Fuoco di Sondrio, allertati da un condomino svegliato dall’ intossicante odore, ha permesso di spegnare le fiamme. CARABINIERI LARGEL’edificio non ha riportato danneggiamenti strutturali mentre il locale, con pochi migliaia di euro di danni, ha riaperto il giorno successivo. Circa due mesi dopo i carabinieri di Sondrio, che non hanno mai smesso di indagare sul fatto, sono riusciti a ricostruire gli eventi e a dare un nome al piromane. Si tratta di un disoccupato barese 44enne residente a Tirano (Sondrio) ma frequentatore assiduo di Sondrio, che quella notte, indisturbato, ha compiuto il suo gesto che, come assicurano gli inquirenti, è di natura vandalica. Adesso l’uomo dovrà rispondere di danneggiamento a seguito di incendio. 

SCRITTE IN CENTRO STORICO: DENUNCIATO MORBEGNESE
A fine novembre, a Morbegno (Sondrio), la notte prima della manifestazione “Facciamo passi di pace”, organizzata da alcune associazioni pacifiste della zona, cinque edifici del centro storico del comune, alcuni anche di interesse storico, dislocati lungo il percorso della camminata pacifista, sono stati oggetto di imbrattamento con scritte a sfondo politico. Questo episodio, pochi giorni più tardi, è stato oggetto di trattazione anche in sede di riunione prefettizia su argomenti inerenti l’ordine e la sicurezza pubblica.

I carabinieri della Stazione di Morbegno, a conclusione di una articolata attività d’indagine, sono riusciti a dare un nome al graffitaro. L’uomo V.R. un morbegnese 46enne operaio, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato denunciato per imbrattamento e deturpamento di cose altrui con la specifica del reato continuato, in quanto il suo gesto è stato ripetuto cinque volte su cinque edifici e, aggravato, in quanto commesso in  orario notturno. I carabinieri di Morbegno, con non poche difficoltà, sono riusciti a ricostruire i movimenti dell’uomo che, unico responsabile, ha voluto lasciare pubblicamente un messaggio di ideologia politica alla folla che partecipava alla marcia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136