QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valtellina: un arresto e 17 denunce. Ecco l’attività dei carabinieri di Sondrio

mercoledì, 25 ottobre 2017

Sondrio – Un arresto, 17 denunce e 2 segnalazioni per assunzione di sostanze stupefacenti. E’ il bilancio dell’attività dei carabinieri della Compagnia di Sondrio con alla guida il capitano Serena Federica Galvagno nell’ultima settimana. carabinieri controlli large

L’ATTIVITA’ DEI MILITARI

Un 16enne marocchino, sottoposto ad una misura cautelare presso una comunità della provincia di Bergamo per reati contro il patrimonio, si era allontanato senza autorizzazione. Dopo accurate ricerche dei carabinieri è stato arrestato e tradotto presso il più vicino istituto penitenziario per minorenni.

Per quanto riguarda il contrasto allo spaccio ed al consumo di sostanze stupefacenti, accurati e costanti controlli nel territorio di Morbegno, interessato da numerose manifestazioni, hanno consentito di individuare, in pieno centro, un giovane con una modica quantità di marijuana che veniva segnalato alla Prefettura.

A seguito di specifici controlli, presso le aree limitrofe al torrente Bitto, sono stati individuati due stranieri pregiudicati ed un sondriese, di età compresa tra i 17 ed i 20 anni. I due stranieri erano in possesso di circa 15 grammi di marijuana, anche già predisposta per il consumo. Per loro è scattata una denuncia ed una segnalazione alla Prefettura. Uno dei due, inoltre, è stato deferito per violazione del foglio di via obbligatorio dal comune di Morbegno.

Il torrente Bitto è stato lo scenario del rinvenimento di circa 10 grammi di marijuana occultata tra le rocce del greto. Sono in corso accertamenti per risalire all’ignoto occultatore.

Per quanto concerne la sicurezza stradale, 2 valtellinesi di 20 e 40 anni, sono stati denunciati per per guida sotto l’influenza di alcool. Il secondo aveva un tasso alcolemico doppio rispetto al limite consentito. Per entrambi è scattato il ritiro della patente ed il sequestro dell’autovettura.

Solo un mese prima, ad un 40enne pregiudicato era stato notificato un provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Morbegno ma pochi giorni fa i Carabinieri lo individuavano aggirarsi tranquillamente per le vie del centro. Due accesi litigi, per futili motivi, uno all’interno di una discoteca ed uno in una via del centro di Sondrio, hanno avuto come conseguenze 2 feriti e due denunciati per lesioni personali.

In materia di contrasto ai reati contro il patrimonio, 10 i denunciati di cui 7 per ricettazione, truffa, sostituzione di persona, falsità su titoli di credito, in quanto hanno presentato all’incasso, in momenti e luoghi differenti, diversi assegni di provenienza illecita e contraffatti, riconducibili ad un noto istituto di credito di Sondrio, riuscendo ad intascare circa 15.000 euro.

Un furto scoperto in un grande magazzino ha portato alla denuncia di una casalinga 57enne che ora si trova nei guai con la giustizia. È accusata di aver sottratto diversa merce, non alimentare, che veniva rinvenuta e riconsegnata dai carabinieri al legittimo proprietario.

I carabinieri di Morbegno hanno denunciato per truffa on line una napoletana che, inserendo un falso annuncio per l’affitto di una casa vacanze a Rimini, si è fatta accreditare da una famiglia di Talamona, rendendosi poi irreperibile, la somma di 350 euro.

Un dipendente 50enne di una ditta della Valchiavenna è stato denunciato per furto e peculato. L’uomo è accusato di aver manomesso l’impianto di video-sorveglianza della ditta presso la quale lavora per impossessarsi di vario materiale per un valore stimato superiore ai 3.000 euro. Per trafugare il tutto avrebbe inoltre utilizzato un mezzo della ditta.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136