QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valtellina: rapinatori prendono di mira case abitate da prostitute, i carabinieri li arrestano

martedì, 14 febbraio 2017

Morbegno – Avevano deciso di compiere delle rapine. E avevano scelto gli obiettivi ritenuti più sicuri. Cosi, a Cosio Valtellino e Morbegno, tre individui hanno preso di mira due case abitate da prostitute ed entrati negli appartamenti dopo essersi qualificati come carabinieri in servizio, le hanno spintonate e minacciate – in un caso anche con l’uso di una barra d’acciaio -  facendosi consegnare del denaro. Credevano che le vittime, proprio per il lavoro svolto, non avrebbero denunciato i fatti; ciò, invece, non è avvenuto visto che le donne, dopo l’aggressione, hanno chiamato il 112 e fatto ricorso alle cure mediche avendo riportato lievi lesioni.

CARABINIERI LARGEI carabinieri della Stazione dei Carabinieri di Morbegno, ricevute le denunce, hanno avviato le indagini, nel corso delle quali, anche avvalendosi dell’ausilio delle telecamere, dopo aver visionato ore di filmati, sono riusciti a identificare i tre soggetti e ad acquisire poi ulteriori elementi probanti circa il loro coinvolgimento nelle rapine.

Tutto il resoconto delle investigazioni, protrattesi per alcuni giorni, è stato quindi comunicato all’Autorità giudiziaria, la quale, concordando con il consistente quadro probatorio raccolto dai militari della Stazione di Morbegno, ha emesso tre misure di arresti domiciliari a carico di E.S., 51enne, M.V., 43enne e G.M., 47enne, tutti della provincia di Sondrio, I primi due sono stati subito rintracciati e condotti presso le rispettive abitazioni, mentre il terzo è stato arrestato al rientro dall’estero. I tre dovranno rispondere, in concorso, di rapina continuata e aggravata dall’uso di armi, lesioni personali aggravate violenza privata aggravata danneggiamento aggravato e porto abusivo di strumento atto a offendere.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136