QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valtellina: investe due carabinieri per aiutare l’amico in fuga. Arrestata la coppia

mercoledì, 22 febbraio 2017

Sondrio – Ieri sera, nel centro cittadino, si è svolto un articolato servizio di prevenzione, messo in atto dall’Arma locale, durante il quale i carabinieri di Sondrio hanno arrestato per violenza, minaccia e resistenza ad un pubblico ufficiale e lesioni aggravate R.A., marocchino di 23 anni, clandestino ma da tempo dimorante in città, e P.S., sondriese di 26 anni.

I FATTI
CARABINIERI LARGEI militari stavano procedendo al fermo di una macchina per effettuare un normale accertamento, ma improvvisamente si sono trovati ad avere a che fare con il giovane passeggero che, nel tentativo di sottrarsi al controllo, ha deciso di aggredire i militari travolgendoli durante la sua fuga a piedi.

Immediatamente il giovane è stato acciuffato ed è stato richiesto da parte dei militari il supporto di altre pattuglie. La donna, ancora sistemata al posto di guida della sua auto, ha deciso di ingranare la marcia e, forse per aiutare l’amico, disinteressandosi o non pensando alle conseguenze del suo gesto ha premuto l’acceleratore andando a investire i carabinieri impegnati ancora nella gestione del marocchino che stava cercando animatamente di divincolarsi dalla forte presa dei militari.

Solo l’intervento dei colleghi ha potuto scongiurare conseguenze drammatiche ma, sfortunatamente, non ha evitato il gesto folle della donna.

L’Autorità Giudiziaria ha disposto per R.A. il trasferimento presso la Casa Circondariale di via Caimi , mentre per la donna, in quanto in stato di gravidanza, dopo essere transitata per un controllo all’Ospedale cittadino, sono stati disposti gli arresti domiciliari. La convalida sarà definita venerdi dal Giudice. I militari investiti dall’auto se la sono cavata con qualche lieve lesione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136