QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Valtellina, arrestato dai carabinieri per furto, guida senza patente e in stato di ebbrezza

martedì, 28 novembre 2017

Sondrio – Controlli sul territorio dei carabinieri in Valtellina, un arrestato e sei denunce. Inoltre, i carabinieri in un incontro hanno parlato alle fasce deboli di sicurezza per difendersi dalle truffe a Morbegno.

I militari alle dipendenze della Compagnia di Sondrio, guidati dal capitano Serena Federica Galvagno, hanno eseguito numerose denunce e arresti. In questo periodo è aumentata l’attività di prevenzione sul territorio: numerose pattuglie e incontri rivolti alle “fasce deboli”. carabinieri large

L’ARRESTO - E’ stato convalidato l’arresto e rinviato a processo il muratore romeno 28enne residente a Cosio Valtellino accusato dai carabinieri per furto aggravato di automezzo in sosta in proprietà privata, guida in stato di ebrezza alcoolica, guida senza patente perché mai conseguita. Sabato notte l’uomo è stato scoperto dai militari della Radiomobile di Sondrio, mentre usciva con un’ape dal cortile di una casa. Alla vista della pattuglia il romeno ha tentato la fuga ma è stato immediatamente fermato dai militari che hanno accertato che il guidatore aveva di molto superato i limiti del tasso alcolemico, che guidava pur non avendo mai conseguito i documenti necessari e che il mezzo era stato poco prima rubato dal cortile di un’abitazione. Il proprietario dell’ape, che neanche si era accorto del furto appena subito, è stato ben felice di essere svegliato per la restituzione del veicolo.

LE DENUNCE - E’ stato denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica un cosentino, da anni residente in Valle, in quanto, a fine ottobre, era rimasto coinvolto in un incidente stradale per il quale ha ricevuto, per le lesioni riportate, una prognosi di 15 giorni. I successivi accertamenti alcolemici hanno permesso di dimostrare che l’uomo si trovava alla guida mentre era sotto l’influenza di sostanze alcoliche. È stato, quindi, segnalato dai carabinieri alla Prefettura per il ritiro e sospensione della patente di guida (il provvedimento ha una durata che va da un minimo di 6 mesi a 1 anno).

I carabinieri di Morbegno hanno fermato durante un controllo alla circolazione stradale un 51enne valtellinese disoccupato. L’uomo ha esibito una documento di giuda che, solo successivi accertamenti presso la motorizzazione civile hanno permesso di dimostrare la falsità della patente; il valtellinese è stato, quindi, denunciato per uso di atto falso e la patente ritirata pronta per essere distrutta.

Un turista si è allontanato da un albergo morbegnese senza pagare la notte li trascorsa. L’uomo, un 69enne comasco residente a Cosio Valtellino, è stato quindi denunciato dai carabinieri di Morbegno, seppur per la somma irrisoria di 30 euro, per insolvenza fraudolenta. L’uomo non è nuovo a questi comportamenti tanto da aver accumulato negli anni numerosi provvedimenti di pubblica sicurezza e denunce. Nuova tappa delle sue “ferie” è stata proprio la zona del morbegnese nella quale, anche qua, ha lasciato in ricordo il saldo da pagare.

I carabinieri hanno denunciato una coppia di trentenni accusati di truffa a mezzo internet. La donna, fingendosi una rivenditrice di un famoso e molto costoso robot da cucina, riusciva ad allettare, con il prezzo molto scontato dell’elettrodomestico, una casalinga di Ardenno. A poco sono valse le precauzioni dell’acquirente che ha, addirittura, voluto parlare con il finto corriere che la rassicurava della spedizione avvenuta. Solo qualche giorno più tardi, il ritardo nella recezione del pacco, ha fatto dubitare la donna della bontà dell’acquisto.

Nel corso della settimana i carabinieri hanno tenuto un incontro trattante in tema della tutela delle fasce deboli presso il circolo anziani di Morbegno. I militari hanno trattato in maniera specifica l’odioso reato della truffa, come riconoscerli e come difendersi dai professionisti della truffa. Durante l’incontro sono state spiegate le modalità più comuni da approccio di questi professionisti del crimine e sono state ricordate poche ma utili regole per difendersi e reagire ai malviventi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136