Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Valle Camonica: sorvegliato speciale aggredisce ex moglie, arrestato dai carabinieri

giovedì, 11 aprile 2019

Breno – In Valle Camonica sorvegliato speciale aggredisce ex moglie, arrestato dai carabinieri. Protagonista della vicenda è un 34enne italiano, già noto alla giustizia per numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio e per lo spaccio di sostanze stupefacenti. Ritenuto soggetto pericoloso, su proposta avanzata dai Carabinieri della Compagnia di Breno, era stato sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno in un comune della media valle, ove da poche settimane si era trasferito dopo la fine del rapporto sentimentale con la ex moglie.

Tra le prescrizioni imposte nell’ordinanza vi era quella di permanere in casa durante le ore notturne e di tenere una condotta rispettosa delle regole. L’uomo, nella notte di domenica, ha violato tali obblighi e si è presentato presso l’abitazione della ex moglie, ubicata in un comune della bassa valle. Dopo essere entrato con forza nell’appartamento l’ha malmenata e le ha sottratto il telefono cellulare. Per impedire che la situazione degenerasse, la malcapitata si è rinchiusa in una stanza sperando che l’ira dell’ex marito si placcasse. Dopo qualche ora la donna è riuscita a riprendere il telefono cellulare e ha contattato il padre per chiedere aiuto. Subito dopo la telefonata, sono stati attivati i Carabinieri che hanno immediatamente inviato sul posto una pattuglia.

L’uomo, temendo di essere trovato in casa, si è allontanato ed è rientrato nel suo domicilio, dove veniva raggiunto e arrestato dai militari. Dovrà rispondere della violazione degli obblighi della sorveglianza speciale, di lesioni personali e minaccia aggravata. E’ stato associato al carcere di Brescia su disposizione del Giudice che ha convalidato il suo arresto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136