Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Valle Camonica: evade tre volte in due giorni mentre era ai domiciliari, arrestato

giovedì, 8 novembre 2018

Darfo – Si trovava agli arresti domiciliari dall’aprile 2017 per aver rubato un’autovettura a Darfo Boario Terme (Brescia); i Carabinieri lo avevano arrestato in flagranza di reato all’interno del parcheggio del centro commerciale Adamello. Non finiscono i guai per un pregiudicato 52enne di Artogne (Brescia), che stava scontando la misura cautelare presso l’abitazione dell’anziana madre.

Alle spalle numerosi furti consumati negli ultimi anni, non ha saputo resistere alla tentazione di uscire di casa, violando le disposizioni del Giudice che gli aveva imposto di non allontanarsi senza la preventiva autorizzazione. L’uomo, negli ultimi due giorni è evaso da casa in almeno tre occasioni e tutte e tre le volte è stato rintracciato ed arrestato dai militari che ne avevano riscontrato l’assenza durante i controlli presso la sua abitazione.

L’ultimo arresto è stato eseguito ieri notte, dopo che la pattuglia lo ha fermato mentre stava discutendo in strada con un altro pregiudicato del luogo. Questa mattina tutti e tre gli arresti sono stati convalidati dal Giudice del Tribunale di Brescia e l’uomo è stato ricollocato ai domiciliari, in attesa che l’Autorità Giudiziaria che ha emesso l’iniziale provvedimento cautelare, tenuto conto della gravità delle reiterate condotte poste in essere, valuti l’aggravamento della misura a suo carico.

FURTO ENERGIA ELETTRICA E ACQUA

I Carabinieri della Stazione di Lumezzane hanno tratto in arresto un 37enne del posto per furto aggravato. Nello specifico, l’uomo ha effettuato un collegamento abusivo di un tubo alla condotta idrica dell’Azienda ASST S.P.A. che gli ha permesso di prelevare acqua potabile gratuitamente. L’azienda, nel 2017 aveva sigillato il contatore dell’abitazione e bloccato la fornitura d’acqua per morosità, dato il mancato pagamento di diverse bollette. I Carabinieri della Stazione hanno riscontrato l’irregolarità e proceduto a fermare il soggetto, già gravato da diversi precedenti. L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.

A Trenzano, invece, i militari della locale Stazione sono intervenuti presso una palazzina ove erano state segnalate problematiche connesse con il contatore elettrico comune. A seguito di accertamenti si appurava che due condomini, padre e figlio italiani rispettivamente di 48 e 19 anni si erano abusivamente allacciati al contatore condominiale. Entrambi sono stati tratti in arresto per furto in concorso di energia elettrica. L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136