Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Valle Camonica, blitz e arresti dei carabinieri della Compagnia di Breno

martedì, 12 febbraio 2019

Breno – Nelle giornate di domenica e lunedì i carabinieri della Compagnia di Breno hanno eseguito un servizio straordinario finalizzato al controllo degli esercizi commerciali.

carabinieri largeDomenica pomeriggio in Breno è stato sottoposto a controllo, nei pressi della locale stazione ferroviaria, un noto pregiudicato 33enne di Darfo Boario Terme, attualmente sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno ad Angolo Terme. Lo stesso è stato tratto in arresto per la violazione della normativa predetta. Nel corso dell’udienza tenutasi nella mattinata di ieri, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto, disponendo la sottoposizione alla misura di P.S. ad Angolo Terme, in attesa del processo.

Analoga sorte è toccata ad un altro pregiudicato 49 enne che è stato identificato all’interno di un bar di Piancogno ieri sera poco prima delle 20. I carabinieri dopo avere controllato i documenti amministrativi dell’esercizio commerciale hanno poi proceduto all’identificazione degli avventori tra i quali c’era il pregiudicato, conosciuto per i suoi pregressi in materia di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante il controllo l’uomo ha manifestato un certo nervosismo, giustificandosi con la necessità che doveva rientrare in casa dell’anziano padre che lo stava aspettando per la cena. I Carabinieri insospettiti dal comportamento lo hanno perquisito rinvenendo all’interno di una tasca del giubbino un “sasso” di eroina del peso di 50 grammi. Successivamente nella sua abitazione sono stati rinvenuti ulteriori 5 grammi della stessa sostanza, un bilancino elettronico di precisione e materiale atto al confezionamento. Durante l’udienza tenutasi nella mattinata odierna, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto, disponendo la misura degli arresti domiciliari in attesa del processo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136