QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valvestino, ritrovato l’escursionista tedesco disperso da ieri. E’ salvo, il Soccorso Alpino l’ha trovato in discrete condizioni di salute

mercoledì, 9 settembre 2015

Valvestino – Ritrovato illeso nel tardo pomeriggio l’escursionista tedesco di 69 anni che ieri non era rientrato alla base, come previsto.  L’allertamento era giunto in serata alla V Delegazione del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico). Come sempre accade in un intervento di ricerca, sono state attivate tutte le Stazioni della provincia di Brescia, in particolare le figure formate e certificate per le competenze specifiche acquisite in questo ambito, che hanno coordinato e gestito l’operazione, oltre ai tecnici e agli operatori del Soccorso alpino e alle UCRS (Unità cinofile da ricerca in superficie), composte da cane e conduttore, e al SAGF (Soccorso alpino Guardia di finanza).soccorso alpino

Gran parte della ricerca si è svolta in notturna e in aree impervie. L’uomo era partito da Vesta e aveva dato indicazioni alla moglie sul percorso ma poi ha intrapreso un itinerario differente; questo ha complicato ulteriormente le ricerche, ma grazie a una conoscenza del territorio approfondita e al supporto di cartografia e dispositivi tecnologici, i tecnici hanno ricostruito gli spostamenti e sono riusciti a capire dove poteva trovarsi.

Nella giornata di oggi è intervenuto anche l’elicottero per un’ispezione dall’alto e questo, con la collaborazione delle squadre territoriali, ha permesso di ridurre i tempi e di concludere l’intervento prima che diventasse di nuovo buio: l’uomo si trovava bloccato su un’altura rocciosa, aveva sbagliato il sentiero e non riusciva più né a scendere, né a salire.

L’escursionista ha trascorso la notte fuori ma era attrezzato con un abbigliamento adeguato e anche un telo termico, un comportamento preventivo che gli ha consentito di non avere complicazioni dovute all’abbassamento delle temperature e di rendere più confortevole una notte passata all’addiaccio. Il lavoro congiunto di tutti i soccorritori del Soccorso alpino e la collaborazione della Protezione civile locale e del sindaco di Capovalle, che si sono messi a disposizione da subito, hanno permesso di concludere in modo positivo l’operazione, con il ritrovamento della persona dispersa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136