QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Un arresto per stalking a Coccaglio, raffica di denunce per droga e armi

lunedì, 19 settembre 2016

Coccaglio – Arresto per stalking a Coccaglio (Brescia). Il 17 settembre scorso i militari della stazione carabinieri di Cologne hanno tratto in arresto un 35enne albanese con cittadinanza italiana residente a Coccaglio in esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Brescia perché responsabile di atti persecutori nei confronti della sua ex convivente, una ragazza romena anch’essa 35enne.

Dopo 13 anni di convivenza, a giugno di quest’anno la fine della storia e l’inizio da parte dell’uomo di una serie di SMS di insulti e pesanti minacce rivolte sia alla donna, che ai suoi familiari nonché ai conoscenti di quest’ultima. Appostamenti, pedinamenti e richiesta di incontri chiarificatori completavano le persecuzioni.

I riscontri raccolti dai carabinieri di Cologne, le testimonianze delle persone informate sui fatti, hanno confermato la gravità delle pesanti minacce, ed hanno consentito al GIP di emettere la più grave tra le misure cautelari e cioè la custodia in carcere.

Nel frattempo lo stalker si era allontanato da Coccaglio per lavoro e dopo un mese in cui sono stati monitorati i suoi spostamenti, nella mattinata del 17 settembre 2016, nella centrale piazza Marenzio è scattato l’arresto. L’uomo è ora rinchiuso nel carcere di Brescia in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

carabinieri-coccaglio0

PREVENZIONE STRAGI DEL SABATO SERA 

Nell’ambito di uno specifico servizio predisposto dal Comando Compagnia di Chiari, finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati in materia di stupefacenti nonché di episodi di abuso di bevande alcoliche, nei pressi della discoteca “NumberOne” sita in Corte Franca (Brescai), 12 militari provenienti dalle Stazioni CC di Adro, Castrezzato e Rudiano, coadiuvati da un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile e dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Chiari, eseguivano un servizio di controllo degli avventori al locale in occasione di un evento di musica Hardcore.

Al termine della serata, durante la quale venivano identificate oltre 70 persone ed ispezionati più di 20 veicoli, si procedeva a denunciare a piede libero 6 persone, di cui:
- un 19 enne svizzero per detenzione e porto illegale di un coltello con lama superiore a 10 centimetri;
- un 25 enne di Bergamo ed un coetaneo albanese per guida in stato di ebbrezza, con un tasso alcolemico molto superiore ad 1 g/litro e il conseguente ritiro della patente;
- un ragazzo di 21 anni di Lovere (Bergamo), uno di 24 anni di Pontremoli (Massa), ed uno di 18 originario della Libia venivano deferiti per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
Contestualmente venivano segnalati alla competente Prefettura, quali assuntori di stupefacenti, altri 5 ragazzi, tutti italiani di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Nel corso delle perquisizioni personali, venivano rinvenuti complessivamente: 3 spinelli di “marijuana” già confezionati, un grammo di sostanza stupefacente tipo “marijuana”, suddivisa in 5 dosi, 10 grammi circa di “hashish”, 2 grammi di sostanza stupefacente tipo “cocaina”, suddivisa nr.7 dosi, e mezzo grammo di droga sintetica detta “speed”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136