Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Truffe online da 4500 euro, tre denunciati dai carabinieri di Sondrio

giovedì, 9 luglio 2020

Sondrio – Individuati e denunciati gli autori di due truffe online per un importo complessivo di 4.500 euro. Il mese di luglio è iniziato da pochi giorni ma sono già le tre persone denunciate dai Carabinieri della Compagnia di Sondrio per truffe online.

112 carabinieri largeDue distinti episodi che vedono coinvolti protagonisti diversi ma molto simili tra di loro. Nel primo caso, risalente al 2 luglio un pregiudicato dell’hinterland milanese ed una ragazza pugliese, rispettivamente di 54 e 22 anni, sono stati denunciati poiché su un portale social network pubblicavano un annuncio per la vendita di un modello di cellulare molto costoso di una nota marca. Per cercare di non essere identificati avevano adottato uno stratagemma: il numero di telefono per i contatti e gli accordi era intestato a lui mentre il conto corrente sul quale effettuate il bonifico era intestato alla ragazza. Questo non è bastato a confondere i Carabinieri di Berbenno di Valtellina che hanno identificato e denunciato entrambi. Così, una volta ricevuto l’accredito di 700 euro, hanno cercato di far perdere le proprie tracce.

Risale a ieri un’ulteriore denuncia per truffa online di un pregiudicato 30enne del reggino che con lo stesso modus operandi riusciva a farsi accreditare 3.800 per la falsa vendita di un furgone per poi sparire. Online è possibile acquistare prodotti nuovi ed usati a condizioni vantaggiose ma è anche possibile incappare in truffatori senza scrupoli: per essere più tranquilli, il consiglio è di porre particolare attenzione agli annunci di vendita trovati su social network poiché dietro l’apparente identità digitale può nascondersi tutt’altra persona. Anche il numero di cellulare o l’iban di un conto corrente non sono una garanzia sull’identità e sull’affidabilità dell’inserzionista.

Altro campanello d’allarme può essere la modalità di pagamento proposta: il bonifico (come nei due casi sopra descritti) o le ricariche di carte prepagate non offrono alcuna garanzia all’acquirente mentre altri metodi di pagamento, con un minimo costo, offrono il rapido e pieno rimborso di quanto pagato in caso di truffe e quindi una maggiore tranquillità per gli acquisti online. Quando ormai la truffa si è consumata, il consiglio è quello di denunciare sempre i fatti: la denuncia è l’importante tassello iniziale per ricostruire i fatti e individuare gli autori.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136