QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Truffa del bancomat, la Polizia di Trento arresta un 27enne romeno

lunedì, 10 febbraio 2014

Trento – Arrestato giovane romeno specializzato nella truffa del bancomat. Dal mese di ottobre 2013 a Trento si sono verificati svariati episodi di “cash trapping” ai danni degli sportelli ATM di istituti bancari e uffici postali della zona. Nel caso specifico gli ignari clienti si recavano agli sportelli Bancomat e Postamat per prelevare delle somme dal loro conto e, dopo aver effettuato tutte le operazioni previste, di fatto dallo sportellino di erogazione del denaro non veniva consegnato il contante.

Gli istituti, allarmati dalla perdurante ripetizione di questi fatti si rivolgevano alle forze di polizia per sporgere formale denuncia all’Ufficio della Squadra Mobile di Trento e l’ufficio di Polizia Postale e Comunicazioni del Trentino Alto Adige avviava degli accertamenti in modo autonomo per poi unire tutti gli sviluppi in un’unica indagine congiunta. In particolare si accertava che sullo sportello, veniva applicata una barra metallica che occludeva completamente la bocchetta di erogazione del denaro, con applicato sul lato interno un potente adesivo per trattenere i soldi.

Dalle immagini video riprese dai circuiti di videosorveglianza si poteva individuare, quale responsabile dei fatti narrati, un cittadino romeno di 27 anni, C.P.P. le iniziali, in Italia senza fissa dimora. Allo stesso sono stati addebitati quindici episodi di manomissione degli sportelli, nei quali sono stati sottratte somme in denaro per un ammontare a circa 2.600 euro. Su richiesta del Pm, Marco Gallina, il giudice delle indagini preliminari Carlo Ancona ha disposto la custodia cautelare in carcere del romeno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136