Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Tresenda: spacciatore tenta la fuga, arrestato sul sentiero Valtellina dai carabinieri di Teglio

sabato, 3 marzo 2018

Tresenda – Ieri sera i Carabinieri della Stazione di Teglio hanno arrestato M.D., italiano 33enne accusato di detenzione di sostanze stupefacenti con finalità di spaccio, resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale .

Alle 19.30 circa, la pattuglia dei Carabinieri transitando in località Tresenda di Teglio, ha individuato una macchina che percorreva la pista ciclabile del sentiero Valtallina. I militari quindi procedevano all’accertamento stradale ma l’atteggiamento sospetto del conducente e le anomale circostanze hanno permesso di effettuare perquisizione d’iniziativa. L’uomo ha consegnato e depositato sul cofano dell’auto 550 euro mentre provava a nascondere qualcosa lanciandola sotto l’auto. Il gesto è stato notato dal carabiniere che da terra ha raccolto 3 involucri contateti presumibilmente sostanza stupefacente.

M.D. aveva sperato di evitare le sue responsabilità facendo scomparire le prove dello spaccio tanto che, in un attimo, l’uomo ha agguantato le palline bianche, che il militare aveva appoggiato accanto ai soldi sul cofano, e è scappato a piedi lungo il sentiero. Pochi metri ed è stato riacciuffato dai militari che, durante la colluttazione sono rimasti anche feriti, mentre M.D. aveva comunque la possibilità di disfarsi delle prove. La pattuglia è riuscita a bloccare l’uomo e a ritrovare la sostanza stupefacente lungo l’argine del fiume.

La perquisizione presso l’azienda tiranese, presso cui lavora M.D., ha permesso il rinvenimento di un bilancino di recisione e di materiale usato per il confezionamento. La sostanze era cocaina, le perquisizioni hanno permesso di rinvenire 6 involucri, materiale per il confezionamento e i soldi che i carabinieri ipotizzano essere il provento dello spaccio. Il magistrato ha disposto l’arresto e la detenzione domiciliare di M.D. che tra qualche giorno dovrà presentarsi davanti l’Autorità Giudiziaria.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136