Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Trento, sedicente carabiniere tenta truffa ad anziano: 28enne campano arrestato

sabato, 7 aprile 2018

Trento - L’importanza degli incontri dell’Arma dei Carabinieri con la cittadinanza è indispensabile proprio al fine di evitare simili disavventure che, in taluni casi, come quello avvenuto nel capoluogo trentino, grazie al pronto intervento dei Carabinieri ed all’importante sinergia con altre istituzioni, finiscono per il meglio.

carabinieri 1Un disegno purtroppo non insolito oramai nel panorama italiano, di fronte al quale le continue campagne di sensibilizzazione non sono riuscite ancora ad attecchire ed ad allertare le persone anziane, vittime preferite di questa tipologia delittuosa.

Nel primo pomeriggio di ieri una persona qualificatasi come Maresciallo dei Carabinieri contatta un anziano 89enne trentino e lo avverte che la propria figlia è responsabile di un incidente stradale in cui più persone, anche minori, sono rimaste gravemente ferite ed allo stato sono in cura presso l’ospedale cittadino: la soluzione prospettata dal finto Carabiniere è semplice, 6mila euro da consegnare immediatamente ai carabinieri occorrono al fine di scongiurare le conseguenze penali alla figlia.

L’anziano, al fine di aiutare la propria figlia, avverte il finto Maresciallo che non dispone di quella cifra e che può ritirarla in pochi minuti presso il proprio istituto di credito, posto nelle immediate vicinanze dell’abitazione.

Il lavoro svolto in maniera certosina dall’operatore di sportello bancario, meravigliatosi della richiesta di ritiro di una simile ed ingente somma di denaro da parte dell’anziano signore, permette di conoscere quanto appena accaduto e di notare che qualcosa non è perfettamente lineare nella storia raccontata dalla vittima.

Evidentemente l’operatore allo sportello ha ben chiaro che alcuna Forza di Polizia richiede denaro alle persone in siffatta maniera, fattore sempre sottolineato dall’Arma dei Carabinieri nei plurimi incontri con la cittadinanza.

L’immediato allarme dato dall’istituto di credito all’Arma dei Carabinieri ha permesso così in pochi minuti di far arrivare sul posto il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia CC di Trento che, accertata la natura delittuosa dell’azione in corso, è riuscito in poco tempo a trarre in arresto il 28enne M.F., campano in trasferta nel capoluogo trentino.

Il giovane reo è difatti ritenuto responsabile del reato di tentata truffa in quanto presentatosi poco dopo, nella fittizia veste dell’ “Appuntato Russo” dinanzi all’abitazione dell’anziano signore al fine di prelevare la somma richiesta telefonicamente dal sedicente Maresciallo. Al termine degli adempimenti di legge l’uomo è stata arrestato e posto a disposizione dell’A.G. di Trento. Al fine di risalire all’eventuale responsabilità del reo in analoghi eventi delittuosi perpetrati nel territorio della provincia trentina, si allega l’effigie fotografica del giovane arrestato nella giornata di ieri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136