QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Trento, pensionato pedofilo arrestato dalla Polizia Postale. Ricostruiti i fatti

venerdì, 24 marzo 2017

Trento – Pensionato arrestato per aver abusato di una minirenne. La Polizia di Stato di Trento ha arrestato un pensionato pedofilo che aveva abusato di una 15enne. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, richiesta dal Pm Davide Ognibene ed emessa dal Gip  di Trento La Ganga, è stata eseguita dagli investigatori del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Trento.polizia-0

Il pensionato è accusato di violenza sessuale aggravata, nei confronti di una giovanissima con “difficoltà di apprendimento”.

I fatti risalgono al mese di settembre dello scorso anno, quando un uomo in gita nei pressi del lago di Levico Terme (Trento), a passeggio in un parco limitrofo, aveva avvicinato la giovane utilizzando, come esca, un tenero cagnolino di minuscola taglia, riuscendo così a carpirne la fiducia ed instaurando con la stessa, fin da subito, un legame confidenziale.

Grazie alla presenza di quel cucciolo, il pensionato riusciva poi ad appartarsi con la ragazzina su una panchina tra gli alberi per creare un momento di intimità e, nella riservatezza del luogo, compiere atti sessuali sulla stessa.

Dopo il primo incontro, il pensionato iniziava a perseguitarla, attraverso centinaia di telefonate ed innumerevoli messaggi SMS (sono circa 1.400 quelli raccolti dagli investigatori) e avvicinato la ragazzina. Gli investigatori della Postale hanno estrapolato frasi del tipo “amore mi manchi”, “fatti sentire” e “ti aspetto”, e verificato che l’uomo aveva inviato numerosi doni alla minore, quali biancheria intima, bigiotteria e ricariche telefoniche, segnale di un rapporto deviato tra i due, una vera e propria sudditanza psicologica e la falsa convinzione da parte della fragile vittima, di essere amata.

Grazie agli ulteriori riscontri, la Polizia Postale di Trento ha potuto ricostruire un secondo incontro avvenuto tra il pensionato e la giovanissima nello stesso mese di settembre e sempre sulle rive del lago, laddove l’indagato si era appartato con la 15enne, in una zona riservata e fuori della vista dei passanti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136