QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trento: offensiva della Polizia di Stato contro lo spaccio di stupefacenti

venerdì, 2 ottobre 2015

Trento – Offensiva della Polizia di Stato e contrasto allo spaccio di stupefacenti. Due extracomunitari accompagnanti alla frontiera. Continuano incessanti i controlli della Polizia di Stato a Trento, in particolare nel centro cittadino voluti dal Questore.

Nella settimana in corso i controlli eseguiti da pattuglie dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Trento, coadiuvate dal reparto prevenzione Crimine di Padova, hanno permesso in tutto di identificare sul territorio oltre cinquecento persone, di cui circa duecento extracomunitari. L’attività di polizia ha portato alla denuncia di 24 persone per i reati di furto, ricettazione, lesioni, minacce, resistenza a pubblico ufficiale, spaccio, porto illegale di armi.

In occasione di questi mirati servizi sono state sequestrati: 80 grammi di hashish, 2 grammi di eroina, 1 Teaser (storditore elettrico) e 200 euro proventi dell’attività di spaccio, di cui 50 falsi. E’ stato altresì rintracciato ed arrestato in flagranza di reato un cittadino tunisino che era rientrato illegalmente in Italia a seguito di espulsione giudiziaria con accompagnamento alla frontiera. Trattasi di soggetto pericoloso in quanto già aveva scontato quattordici anni di reclusione per omicidio volontario a seguito di accoltellamento.

In data 1 ottobre 2015 la Questura ha proceduto all’accompagnamento diretto alla frontiera di due cittadini macedoni che erano stati condannati per rapina aggravata perpetrata ai danni di un benzinaio a Nago Torbole lo scorso ottobre.

L’altro ieri  il personale della questura ha altresì proceduto all’esecuzione di un’espulsione con accompagnamento diretto alla frontiera di un cittadino tunisino pluripregiudicato per reati inerenti gli stupefacenti.

Infine in data odierna un cittadino albanese, pluripregiudicato (reati predatori e rapina), sarà accompagnato alla frontiera in esecuzione di un ordine di espulsione perché inottemperante alle precedenti intimazioni a lasciare il territorio nazionale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136