QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trento: la Polizia arresta per minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale un 39enne tunisino trovato con eroina

lunedì, 31 luglio 2017

Trento – Nel primo pomeriggio di ieri, operatori della Squadra Volante della Questura di Trento hanno tratto in arresto M.K., tunisino classe ’78, per minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, oltre che per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Nello stesso frangente, l’extracomunitario è stato denunciato a piede libero per la violenta aggressione perpetrata ai danni di un agente della Squadra Volante la notte del 4 luglio scorso in Piazza Santa Maria Maggiore allorquando, per sottrarsi ad un controllo, non aveva esitato a colpire al capo l’operatore con un oggetto contundente, provocandogli lesioni giudicate guaribili in quasi 20 giorni.

Nella giornata di ieri, il tunisino è stato intercettato in zona Trento Nord mentre girava in bicicletta. Alla vista della Volante, ha cercato repentinamente di invertire il senso di marcia per sottrarsi al controllo non esitando, allo scopo di guadagnare la fuga, a colpire uno dei due operatori intervenuti. Ne è scaturita una breve colluttazione all’esito della quale il tunisino è riuscito a liberarsi dalla presa degli agenti ed a scappare, disfacendosi di alcuni involucri contenenti eroina. Giunto in prossimità di una ringhiera delimitante un garage sottostante, il cittadino tunisino ha provato a saltare in un viottolo delimitato da un’altra ringhiera posta ad un metro dalla prima ma, nel tentativo, ha perso la presa ed è caduto al suolo.

Il soggetto in questione è stato trovato in possesso di 3 grammi di eroina, oltre che di un centinaio di euro di cui non ha saputo fornire giustificazione, dato il suo stato di disoccupazione.

Dopo essere stato accompagnato al pronto soccorso per le cure del caso, il tunisino è stato pertanto associato alla locale casa circondariale.

Continuano inoltre i pattugliamenti del territorio cittadino nell’ambito dell’operazione “Trento Sicura”, anche con l’impiego di una task force in borghese, composta da personale di vari uffici della Questura di Trento, per coadiuvare l’azione svolta dagli operatori in divisa e dal Reparto Prevenzione Crimine Lombardia, sempre presente in città per assicurare una più stringente attività di controllo e prevenzione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136