QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trento: inchiesta sul base jumper in duomo a Milano verso l’archiviazione

mercoledì, 23 ottobre 2013

Trento – Verso l’archiviazione dell’episodio avvenuto a Milano il 4 luglio scorso. Il pm di Milano Maurizio Ascione ha infatti avanzato la richiesta di archiviazione del reato contestato a Maurizio Di Palma, il base jumper di 34 anni che all’alba del 4 luglio scorso si lanciò dal Duomo di Milano con un paracadute. L’uomo era stato iscritto nel registro degli indagati con l’ accusa di «getto pericoloso di cose», indicato dall’articolo 674 del Codice Penale e che prevede l’arresto fino a un mese o il pagamento di un’ammenda fino a 206 euro. Duomo-di-Milano

Di Palma, un base jumper professionista, originario della provincia di Trento e molto conosciuto nel suo ambiente, era stato rintracciato dopo alcune ore dal suo gesto, che aveva filmato, aiutato anche da alcuni amici. Le immagini del volo da una guglia della cattedrale erano state poi diffuse su internet. Di Palma ha al suo attivo oltre 2.500 lanci da grattacieli, viadotti e location d’eccezione. Dopo la richiesta della Procura la parola passa al gip decidere sull’archiviazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136