Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Trento, esplosione davanti alla sede di CasaPound. Indaga la Digos

mercoledì, 7 marzo 2018

Trento – Nella notte una bomba rudimentale è esplosa provocando danni all’ingresso della sede trentina di CasaPound. Attorno alle 4.30 è stato fatto esplodere un ordigno rudimentale davanti alla sede di CasaPound a Trento.

Una scritta sul muro vorrebbe attribuire la paternità dell’attentato a chi vuole combattere il fascismo con metodi fascisti: “Unico voto utile antifascismo sempre”. Il responsabile di CasaPound Trento Filippo Castaldini in un post su Facebook ha commentato: “Se pensate di fermarci con questi mezzi non avete capito nulla. Il nostro muro non cede”.  Sul posto sono intervenuti subito gli agenti della Digos di Trento per le indagini del caso. I danni sono stati limitati.

Atto intimidatorio contro CasaPound: la solidarietà del presidente Rossi

“Condanniamo con fermezza questo vile atto intimidatorio nei confronti di CasaPound a cui va la solidarietà della Giunta provinciale e rilanciamo il nostro impegno per cercare, tutti insieme, al di là delle diverse posizioni politiche, di svelenire il clima che si respira nel Paese e purtroppo anche in Trentino, fomentato da chi vuole solo spargere benzina sul fuoco”. Così, il presidente della Provincia autonoma di Trento, commenta il blitz notturno nei confronti della sede di CasaPound a Trento, oggetto di un attentato dinamitardo.

“Diciamo no alle provocazioni e alle violenze, anche verbali e a chi lavora, cinicamente, solo per surriscaldare gli animi e riaffermiamo che l’unica strada per risolvere pacificamente le tensioni, che inevitabilmente si creano in una società aperta e dinamica, è quella del dialogo e del confronto democratico”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136