QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Trentino, fermati gli autori degli scippi alle signore anziane. Tre minorenni denunciati

venerdì, 7 ottobre 2016

Rovereto - Agli agenti del Commissariato di Polizia di Stato di Rovereto(Trento) sono bastati pochi giorni per porre fine alla scia di odiosi reati in danno di persone anziane che negli ultimi giorni avevano visto a Rovereto una preoccupante escalation.

Quattro, in pochi giorni, gli scippi messi a segno da una banda di ragazzi in bicicletta, che si appostavano nei pressi dei luoghi cari alle vittime, come i cimiteri e, dopo aver individuato signore di una certa età, sole, le avvicinavano strappando loro la borsa, dandosi alla fuga.

Progressione preoccupante soprattutto perché, data l’età avanzata delle vittime prescelte, era molto alto il rischio che qualche signora si potesse far male gravemente, di pari passo c’era il rischio che insorgesse la paura di muoversi anche in zone conosciute e familiari, come i cimiteri che sono costantemente frequentati per il forte legame umano con la memoria dei propri defunti.

Polizia di Sondrio

Per questo il Commissariato ha immediatamente potenziato la vigilanza nei luoghi oggetto dei reati iniziando, contestualmente, un’intensa attività investigativa per bloccare subito gli autori dei fatti.

Dopo pochi giorni, i poliziotti sono riusciti ad individuare un terzetto di ragazzi che, per caratteristiche somatiche e modalità di movimento, potevano ricondurre agli autori dei reati. I tre ragazzi minorenni, tutti residenti a Rovereto, due di diciassette anni ed uno di quindici, infatti, utilizzavano biciclette sottratte dalle rastrelliere in città, gironzolando attorno ai cimiteri in attesa della vittima ideale.

Al termine delle indagini sono stati tutti deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Trento per furto aggravato e furto con strappo in concorso tra loro.

Durante l’attività è stata anche recuperata una borsetta sottratta ad una vittima e subito riconsegnata, così come una bicicletta da uomo, rubata nella zona di Borgo Sacco ed abbandona in centro città dopo l’ultimo colpo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136