QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino: Brigadiere libero dal servizio individua e denuncia due donne con banconota da 100 euro falsa

mercoledì, 15 aprile 2015

Trento – E’ stato grazie all’ intuizione di  un sottufficiale dell’Arma, libero dal servizio, che si è potuto individuare le due donne straniere, una 44 enne ed una 34 enne, che avevano speso all’interno di un esercizio pubblico una banconota da 100 euro risultata falsa. Al militare , una gran parte del servizio prestata sulle gazzelle dell’Arma,( aveva effettuato il turno di notte) , abituato per “deformazione professionale” ad osservare ogni minimo particolare non sono passate inosservate ne le due avventrici di un Bar del centro così come la titolare del locale che aveva tra le mani , appena consegnatale dalle due ,una banconota da 100 euro quale corrispettivo del pagamento di due consumazioni da pochi euro, e di cui al tatto ne stava valutando la genuinità.Carabinieri Villalagarina 1

Entrato all’interno e senza farsi notare ha consigliato alla titolare di recarsi presso un esercizio in possesso delle “macchinette verificatrici” mentre lui  teneva a vista le due donne, che approfittando dell’assenza della titolare si erano dileguate in direzione Piazza Fiera. Contattata la titolare e avuta la certezza che la banconote utilizzata fosse falsa, il militare ha fatto intervenire i propri colleghi di reparto che individuavano e bloccavano le due donne mentre stavano entrando all’interno del negozio “ABC” di via Cavour.

Condotte al Comando di via Barbacovi, si è potuto appurare le generalità delle due truffatrici, due albanesi, di cui una s.f.d. e con un visto di ingresso in Italia della validità di tre mesi, con piccoli precedenti di polizia.

Le indagini dei militari dell’Arma si concentreranno ora  per verificare se vi siano stati precedenti analoghi in altri pubblici esercizi della città


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136