QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad


Tragedia sulle creste di Cima Carega, escursionista scivola e perde la vita

domenica, 14 gennaio 2018

Ala – Oggi nel primo pomeriggio ha perso la vita, scivolando in un canalone, una giovane escursionista che, insieme a un amico, si trovava sul monte Plische, tra le creste di Cima Carega, nella zona del Rifugio Fraccaroli, al confine tra Trentino e Veneto.

soccorso alpinoI due amici erano saliti in quota per praticare l’attività di corsa in montagna ed erano vestiti con abbigliamento leggero tipico per questo sport. L’area era tutta avvolta da una fitta nebbia.

Al momento si stanno ricostruendo le dinamiche di quanto accaduto. Dalle prime ricostruzioni risulterebbe che mentre i due amici si trovavano lungo le creste della montagna, la donna, Ludmilla Drogovozov, 45 anni moldava residente a Soave, sia scivolata improvvisamente in un canalone, scomparendo nella nebbia.

Un testimone presente nella zona ha sentito gridare e ha subito allertato il Numero Unico di Emergenza 112. Il Coordinatore dell’Area Operativa Trentino Meridionale del Soccorso alpino ha quindi chiesto l’intervento dell’elicottero e inviato sul posto le squadre di terra del Soccorso alpino trentino. Sono stati chiamati a intervenire anche gli uomini del Soccorso alpino di Recoaro, essendo l’area al confine tra Trentino e Veneto.

A causa delle nebbia le ricerche dei due giovani sono state molto impegnative, infatti il ragazzo, nel tentativo di raggiungere l’amica, ha perso poi le tracce, perdendosi sua volta ed è stato poi trovato in stato di ipotermia proprio in territorio veneto e recuperato dall’elicottero approfittando di una finestra di visibilità nella nebbia.

Nel frattempo gli uomini del Soccorso alpino della Zona Basso Trentino sono riusciti a individuare la ragazza, ma purtroppo per lei non c’era più nulla da fare, in quanto la caduta nel canalone è stata fatale.

La salma sarà recuperata domani mattina. Le stesse squadre del Soccorso alpino trentino sono state poi chiamate per aiutare una comitiva di cinque escursionisti che nella stessa zona aveva perso l’orientamento a causa della nebbia. In prima serata il rientro a valle incolumi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136