QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tragedia sul Pasubio, escursionista precipita per duecento metri e muore

venerdì, 30 agosto 2013

Monte Pasubio – Un’escursione in compagnia di due amici sulla Strada delle gallerie, monte Pasubio, è costata la vita a un alpinista vicentino di 43 anni di Schio. Amante della montagna, l’escursionista è precipitato per duecento metri: attorno alle 23.30 il Soccorso alpino di Schio è stato allertato dal Suem di Vicenza che aveva riferito dovesse trattarsi della ricerca di una persona dispersa al rientro dal rifugio Papa.   L’intervento si è concluso alle 5.soccorso alpino

La situazione è divenuta tragica quando uno dei due compagni è tornato al rifugio Papa per chiedere aiuto. Il loro amico, inciampato sul bordo della strada a picco sulla Val Canale, era scomparso nel vuoto. Il gestore del rifugio e un suo collaboratore, entrambi del Soccorso alpino di Schio, sono subito partiti in direzione della vecchia carrozzabile e, superata la galleria di Havet, hanno iniziato a calarsi con le corde. Pochi istanti più tardi il recupero del corpo senza vita del vicentino, che secondo una prima dinamica ricostruita dagli agenti, è scivolato una seconda volta mentre si stava arrampicando per raggiungere i compagni dopo una prima caduta. Trasportata fino al Passo di Pian delle Fugazze, la barella è stata infine affidata al carro funebre.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136