Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Tragedia in Alta Valle Camonica, escursionista di Pisogne schiacciato da masso

lunedì, 27 agosto 2018

Temù – Tragedia in Alta Valle Camonica: un gruppo che stava percorrendo il sentiero in quota nella zona di Punta dei Buoi, tra Ponte di Legno e Temù, è stato travolto da una scarica di massi poco dopo mezzogiorno. Ad avere la peggio un escursionista di Pisogne che ha perso la vita, schiacciato da un masso di circa un metro cubo di dimensioni.

L’INCIDENTE MORTALE

vvfErano diretti verso Cima Salimmo e provenivano dalla Bocchetta dei Buoi. Il gruppo procedeva lungo il sentiero quando c’è stato un forte rumore, come un boato, per una frana che si era staccata dal versante. Un grosso masso ha travolto uno degli escursionisti, un uomo di 63 anni di Pisogne (Brescia), Giuseppe Magistri (conosciutissimo in Valle come maestro ‘Pino’, lascia la moglie e una figlia), non è sopravvissuto. Illese le altre persone. Sul posto l’elisoccorso del 118 da Brescia, sono salite anche le squadre territoriali della V Delegazione Bresciana Cnsas – stazioni di Temù e Ponte di Legno.

soccorso alpino frana 2

È arrivato l’elicottero dei Vigili del fuoco da Varese e Trento con tecnici SAF e i dispositivi per estrarre la persona dalla frana. Intervenuti anche i militari del Sagf – Guardia di Finanza e i Carabinieri.

elicottero vvf

Via terra le squadre dei vigili del fuoco volontari di Vezza D’Oglio e Ponte di Legno sono state presenti presso la piazzola di elisoccorso di Temù creando un postazione logistica e rimanendo a disposizione con uomini ed attrezzature, insieme ai tecnici del Soccorso alpino. Il tutto è stato gestito in sinergia tra le sale operative 115 e 118.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136