QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Tragedia a Ono San Pietro, crescono i sospetti: aperto fascicolo per duplice omicidio

martedì, 16 luglio 2013

Ono San Pietro- E’ stato aperto un fascicolo per duplice omicidio a carico di ignoti. Gli inquirenti  sono al lavoro per scoprire le cause della morte di Davide e Andrea Iacovone, i due fratellini di 9 e 12 anni vittime dell’incendio della loro casa avvenuto martedì mattina a Ono San Pietro, in Valcamonica (LEGGI QUI).

20130716_50677_pasquale_iacovone_facebook

Ancora critiche le condizioni di Pasquale Iacovone, ricoverato all’ospedale di Esine in condizioni disperate, avendo riportato ustioni sul 90% del corpo. C’è curiosità per l’esito dell’autopsia sul corpo dei due ragazzini morti che verrà fatta nelle prossime ore. I due ragazzini sono stati trovati sdraiati sul letto, come se stessero ancora dormendo. A commento della vicenda è intervenuto anche l’avvocato della madre accusando il padre dei due ragazzini(LEGGI QUI).

Secondo quanto riferisce l’edizione pomeridiana di Sky Tg24, il padre sarebbe tornato con i bambini da dieci giorni di vacanza e questa sera avrebbe dovuto riconsegnarli alla ex moglie. Dai primi rilievi non sarebbe avvenuta nessuna fuga di gas e la cucina sarebbe intatta. Inoltre, le fiamme si sarebbe propagate da sotto il letto dei bambini, dove Andrea e Davide sono poi stati trovati senza vita dai vigili del fuoco.

autobotte-vigili-del-fuoco

E INTANTO DA FACEBOOK…

Pasquale Iacovone sul Facebook aveva rivolto spesso messaggi ai suoi bambini con foto e post in bacheca: “Davide il mio grande calciatore” con tanto di foto del ragazzino con al collo una medaglia recita un messaggio del 2 giugno scorso.

Dal suo profilo si evince, oltre che la sua passione per il calcio e per il Milan, anche qualche commento sul paese, Ono San Pietro, nel quale, secondo Pasquale c’era più di qualche falsità messa in giro sul suo conto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136