QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Torcegno, sopralluogo dei carabinieri del NOE di Trento. Denunciato il sindaco

venerdì, 23 dicembre 2016

Torcegno – I carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Trento, a conclusione di attività ispettive effettuate presso l’impianto di depurazione delle acque reflue urbane di Torcegno, hanno denunciato – alla Procura della Repubblica di Trento – il sindaco, Ornella Campestrini (nella foto), in qualità di responsabile dell’impianto, per gestione illecita di rifiuti.

sindaco-torcegno

In particolare, i militari dell’Arma hanno accertato che i rifiuti speciali non pericolosi, residuo della pulizia manuale della grigliatura – vagliatura e quelli del vaglio a coclea automatico dell’impianto di trattamento fisico per la depurazione delle acque reflue urbane di Torcegno, invece che essere gestiti attraverso ditte autorizzate venivano smaltiti nei cassonetti stradali come rifiuti urbani.

Le successive verifiche hanno messo in evidenza che l’impianto di trattamento fisico per la depurazione delle acque, che raccoglie le pubbliche fognature dell’abitato di Torcegno e frazione Campestrini, recapita i reflui nel torrente Ceggio in assenza di valida autorizzazione provinciale, poiché scaduta il 31 dicembre 2015.

All’esito degli accertamenti i Carabinieri del NOE hanno informato i competenti uffici provinciali del Servizio Autorizzazioni e valutazioni ambientali e dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari che dovranno ora, attraverso campionamenti ed analisi, valutare se i liquami trattati nell’impianto escono chiarificati e idonei allo scarico diretto nei corpi d’acqua superficiale nel rispetto dei limiti normativi dei reflui in uscita.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136