QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Terremoto: dall’Alto Adige arrivati i primi 10 container, nuova consegna pianificata

domenica, 6 novembre 2016

Bolzano – Montati nel Maceratese i primi 10 container della Protezione civile altoatesina, adibiti a uffici dei Comuni danneggiati. Prevista a breve un’altra consegna.prorezione-civile-vigili-fuoco-bolzano

Sono stati montati e attrezzati i primi 10 container forniti dalla Protezione civile altoatesina alle zone terremotate del Maceratese, precisamente le località di Visso, Fiastra e Tolentino. Il convoglio, partito ieri sera da Bolzano con 19 operatori di Croce Bianca, Croce Rossa, Bacini montani e Corpo permanente dei Vigili del fuoco, è arrivato a destinazione verso le 7.30. Tre automezzi, 2 dei vigili del fuoco e uno della Croce Rossa, sono già sulla via del ritorno verso Bolzano per caricare altri 7 container da consegnare nei prossimi giorni, presumibilmente in Umbria. Un’altra quindicina di container sarà recapitata nelle zone terremotate non appena saranno individuate le aree di maggiore necessità.

Queste strutture sono messe a disposizione dei Comuni che non hanno più accesso agli uffici perchè danneggiati dal sisma. “I nostri container favoriscono il funzionamento dei servizi di base dell’amministrazione. Il Comune, ente pubblico di primo riferimento dei cittadini, deve poter continuare a lavorare anche nelle fasi di emergenza e garantire il sostegno sul piano amministrativo”, spiega il presidente della Provincia Arno Kompatscher. I container dall’Alto Adige sono quindi di grande aiuto agli impiegati comunali del Maceratese che attualmente lavorano da casa o in soluzione molto provvisorie e improvvisate.

L’assessore Arnold Schuler, competente per la protezione civile, sottolinea che l’arrivo del primo convoglio altoatesino rientra nel piano di coordinamento generale: “Esaurite le risorse locali nella prima fase, è importante garantire interventi di sostegno nel lungo periodo e qui entrano in gioco operatori e strutture di altre Regioni, tra cui l’Alto Adige. La collaborazione tra le forze di soccorso della nostra provincia si conferma esemplare.” In tal senso “ringraziamo tutti gli operatori per il prezioso impegno, sia sul posto che da Bolzano, al servizio della popolazione colpita dal sisma”, concludono Kompatscher e Schuler.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136